Telestrada – la tv di strada gestita dai senza fissa dimora

Scritto da: il 11.12.08
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.
Con grande piacere, vi annuncio la nascita di un progetto al quale anche io ho dato il mio modesto contributo, realizzando il sito internet e il logo.
Scarp de’ tenis e Telestrada
A Catania un giornale e una tv “di strada”
gestiti dai senza fissa dimora

“LA STRADA SIAMO NOI”

Brindisi per la nascita della prima web tv “di strada” italiana con una redazione composta da senza fissa dimora, operatori e volontari Caritas, la stessa redazione che cura le pagine locali del mensile nazionale Scarp de’ tenis.
Sabato 13 dicembre 2008 alle ore 9,30 presso l’Help Center della Caritas diocesana di Catania (luogo altamente simbolico dove la redazione di strada si riunisce già da tre mesi), P.zza Giovanni XXIII (piazzale della stazione ang V.le Africa)

Ospite e testimonial dell’iniziativa sarà Lello Analfino cantante dei “Tinturia”, anche lui “redattore di strada”. Leader di una band tutta siciliana che ha fatto “emigrare” la propria musica “in-continente”. Li abbiamo scelti per una comunanza di interessi e di intenzioni!

Sarà con noi Salvo La Rosa, anche lui “redattore di strada”

Saranno presenti inoltre:

P. Valerio Di Trapani, Direttore della Caritas diocesana di Catania

L’On Giuseppe Castiglione,  Presidente della Provincia Regionale di Catania,

Il dott. Giovanni Finazzo, Prefetto di Catania

Il Sindaco Raffaele Stancanelli

Oltre naturalmente alla “redazione di strada” composta da senza fissa dimora, volontari e operatori della Caritas diocesana di Catania.

Al termine dell’incontro saranno proiettati i documentari di strada prodotti dalla redazione.
Inoltre regaleremo a tutti i giornalisti presenti una copia di Scarp de’ tenis

L’idea è quella di una redazione giornalistica composta dai senza fissa dimora della città.
Al progetto Scarp de’ tenis, il mensile di strada nazionale, che ha aperto da poco a Catania una redazione locale, la Caritas diocesana di Catania affianca il progetto Telestrada  la prima web tv di strada italiana, con una redazione composta da senza fissa dimora, operatori e volontari.
La web tv di strada vuole rappresentare una voce indipendente e che completa il lavoro egregio dei mass media.
Telestrada dà voce ai protagonisti della strada, persone che vivono quotidianamente il disagio di non avere una casa, che sono ospiti dei dormitori e delle mense per i poveri della Caritas. Saranno loro in persona a raccontarsi e a raccontare le storie dei loro compagni di viaggio.
“La strada siamo noi” e non abbiamo affatto bisogno di alcuna mediazione di gente che vuole dare in pasto al pubblico il “caso umano” senza nessun rispetto della nostra dignità e della nostra opinione”.

Telestrada è la voce vera di gente vera che la strada la vive ogni giorno.

Telestrada sarà on line direttamente dalla strada dal 13 dicembre 2008 all’indirizzo: www.telestrada.it

Info: Gabriella Virgillito
Resp. Comunicazione per Caritas diocesana Catania
347.7006244
Gabriellavirgil2007@libero.it

Altre utili informazioni…
Il progetto rappresenta un’importante opportunità per gli esclusi e gli emarginati. Un giornale può dare voce a storie sconosciute, gettare una luce su vite che altrimenti rimarrebbero nell’ombra, e contribuire a modificare i luoghi comuni tramite cui le persone comuni considerano gli emarginati.

Scarp de’ tenis è un giornale di strada con una marcata identità. Nato nel 1994 per intuizione di un pubblicitario, Pietro Greppi, è stato sostenuto ben presto da Caritas Ambrosiana e da Cgil-Cisl-Uil provinciali di Milano, oltre che da altre associazioni del territorio. Dopo una breve interruzione, è tornato sulla strada nel 1996, edito da cooperativa Oltre, promossa da Caritas Ambrosiana: da allora ha inanellato 121 numeri senza pause, al ritmo di dieci uscite all’anno. Scarp è diffuso e  scritto da persone gravemente emarginate e senza dimora, persone che conoscono o hanno conosciuto la vita di strada, i dormitori, l’esclusione, la difficoltà di un reinserimento sociale e lavorativo. Per costoro è un’occasione di espressione, di affermazione della propria dignità, di lavoro, di integrazione del reddito, di ricostruzione delle capacità relazionali. Ciascuno dei venditori e molti degli autori sono seguiti, nel percorso di recupero e reinserimento, da operatori e servizi Caritas.

Esiste un forte legame tra i contenuti del giornale e il progetto sociale di cui è perno. Scarp si occupa (agli inizi soprattutto in chiave autobiografica, oggi con l’aggiunta di analisi e approfondimenti che presuppongono un lavoro giornalistico professionale) dell’esperienza e della vita degli homeless, ma anche di temi e fenomeni che sono preludio alla caduta “sulla strada”: impoverimento e indebitamento, fragilità e disagio sociale, esclusione e periferizzazione di individui e gruppi, precarietà lavorativa e abitativa, dipendenze. Scarp si sforza anche di offrire una lettura in positivo della realtà della strada, dalle forme di solidarietà che vi si manifestano alle espressioni culturali che essa suscita e ospita.

Scarp ha un forte legame anche con la realtà dei territori in cui è diffuso: si propone alle comunità cristiane come strumento di “alfabetizzazione” rispetto ai temi e ai problemi che contraddistinguono il mondo della grave emarginazione.

Il giornale si articola in una redazione nazionale di Milano e in redazioni satelliti che dovranno curare la redazione dei testi per la parte locale e potranno essere chiamati a collaborare alla stesura della parte di interesse nazionale. Attualmente e’ diffuso a Milano, Genova, Firenze, Torino, Napoli, Palermo, Catania, Rimini, Vicenza.

Contesto locale:
Il progetto Scarp de Tennis rappresenta nel contesto locale di riferimento uno strumento fondamentale per potenziare e valorizzare il lavoro di sostegno e presa in carico delle persona senza dimora.

100%SOLIDARIETÀ
Il 100% del prezzo di copertina, è interamente destinato ai senza dimora che partecipano al progetto e alla produzione d’indotto sociale. 1 euro come guadagno diretto, 1,50 euro per spese di gestione giornale e per sostenere progetti di reinserimento siociale.

100%  LEGALITÀ
I venditori, sia italiani sia stranieri con regolare permesso di soggiorno stipulano un contratto come venditori porta a porta. 0% Lavoro nero, i venditori pagano tutte le tasse relative ai loro guadagni, inoltre, sono iscritti all’ Inps.

LA DISTRIBUZIONE
Viene venduto da persone che vivono per la strada, in situazioni di forte disagio o emarginazione.

- La Strada: la rivista é distribuita da squadre di venditori che coprono le principali zone di affluenza (centro, stazioni, feste e mercati)

  • http://www.ilcasalotto.blogspot.com Il Casalotto

    Mi hai fatto sussultare con questa “tv di strada”. Per un attimo ho pensato alla resuscita di una telestreet a Catania. E’ un progetto diverso, comunque ben venga e speriamo che duri.

  • Leandro Perrotta

    Speriamo bene, il progetto parte “istituzionalizzato”, ma potrebbe essere un aspetto positivo. In ogni caso Scarp è una garanzia, otima rivista e ottimi redattori (i senza fissa dimora della Caritas)

  • lucrezia

    ciao a tt scusate una cosa .. io sono una ragazza che ha fatto il video di scarp dè tennis a catania ma dove si trova il video?? grazie vorrei una risposta ciao…

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple