Tutti gli articoli su teatro stabile

Doppia Scena, La Caccia – incontro con Luigi Lo Cascio

Scritto da: il 25.02.09 — 0 Commenti
Domani giovedì 26 febbraio alle 0re 11 presso l'auditorium del Monastero dei Benedettini, si svolgerà il primo degli incontri del ciclo "Doppia Scena", organizzato dal Teatro Stabile in collaborazione con L'Università di Catania. Oltre che per gli studenti (partecipando all'incontro verranno riconociuti dei CFU), l'incontro è davvero da non perdere per la presenza del protagonista de "I Cento Passi" Luigi Lo Cascio, che è l'autore il regista e il protagonista di La Caccia, in scena al Teatro Ambasciatori dal 24/02/2009 al 01/03/2009 (18 €) LA CACCIA - Tratto dalle Baccanti, scontro micidiale tra un uomo, Penteo, tiranno di Tebe, e un dio, Dioniso, che lamenta il fatto di non essere stato riconosciuto e venerato proprio nella sua città d’origine. Alla fine, Dioniso si vendicherà in maniera smisurata. Per ulteriori informzioni vedere L'Agenda del Bollettino d'Ateneo [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=NM_F6UHYGgg[/youtube]

Contratti integrativi – Teatro Stabile Catania

Scritto da: il 13.07.08 — 2 Commenti
Lunedì conferenza stampa del Teatro Stabile sul rinnovo del contratto integrativo. L'annuncio, al quale normalmente non dedicherei un post, mi è sembrato importante perchè sembra (solo il tempo lo dirà con certezza) la fine di un periodo tormentato. La conferenza stampa si terrà al Teatro Verga in via Giuseppe Fava. Teatro Stabile: tutela del welfare e lotta al precariato. È pieno accordo per il rinnovo del contratto integrativo. CATANIA – La dirigenza del Teatro Stabile di Catania e le forze sindacali hanno raggiunto una piena e soddisfacente intesa per il rinnovo del contratto integrativo di secondo livello. A darne l’annuncio, lunedì 14 luglio alle ore 11, al Verga, saranno il direttore del teatro Giuseppe Dipasquale e i rappresentanti sindacali confederali Francesco Battiato (Cgil), Alfio Giulio (Cisl), Angelo Mattone (Uil), Carmelo Mazzeo (Ugl). «Si tratta di un accordo per molti aspetti storico - sottolinea il direttore Dipasquale - sia per l’ampia consonanza di vedute che ha portato a importanti traguardi sul piano del welfare e dell’occupazione, sia per il metodo di contrattazione che ha puntato sull’aperto e fruttuoso dialogo tra le parti, sull’incontro e non sullo scontro, sul rispetto e non sulla prevaricazione». Chiare le priorità: sicurezza, tutela previdenziale e lotta al precariato, attraverso la stabilizzazione entro cinque anni di numerose unità lavorative. E ancora l’ottimizzazione delle risorse finanziarie e umane, con una più razionale distribuzione delle mansioni, nonché l’aggiornamento tecnologico per una maggiore competitività. Così lo Stabile etneo conferma e rafforza il suo ruolo di impresa culturale di grande rilievo nel territorio regionale e nazionale.
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple