Tutti gli articoli su studenti

Antico Corso, una riflessione

Scritto da: il 30.03.10 — 0 Commenti
Comandano i potenti o comandano i cittadini? Rapporto tra gli abitanti e l'Università, tra i poveri affittuari costretti ad andarsene e e gli speculatori proprietari delle baracche dalle quali spremere profitti altissimi. Questa è una riflessione sull'Antico Corso, ovvero il quartiere che sorge tra via Plebiscito e via Vittorio Emanuele, dove hanno sede il Monastero dei Benedettini con dentro le Facoltà Universitarie di Lettere e Lingue, il Liceo Boggio Lera, il Liceo Spedalieri, il convento dei Gesuiti che fino a poco tempo fa ospitava l'Istituto d'Arte, la Via Crociferi con tutte le sue meraviglie (e le sue sedi di sindacato), la Villa Cerami dunque con la Facoltà di Giurisprudenza, e poi ancora la Facoltà di Scienze della Formazione (da poco) il complesso delle "Verginelle" che fino a qualche anno fa era Centro Sportivo, e poi andando verso nord l'Ospedale Vittorio Emanuele, il più grande della Sicilia, l'Ospedale Santo Bambino dedicato all'ostetricia (nascono qui il 90% dei catanesi), la rimessa dell'AMT ecc... Ci abitavano 10 mila abitanti negli anni '90, ora ce ne stanno 4 mila circa. Nelle abitazioni fatiscenti da loro occupate, "loro" gli ex abitanti, oggi ci stanno gli studenti che pagano affitti esorbitanti quasi sempre in nero. Piazza Dante, una delle più belle della città, è un tappeto di auto quotidianamente, e gli studenti non hanno nemmeno una mensa in zona. La domenica e nelle feste invece il quartiere è vuoto, gli studenti tornano a casa, ma di abitanti e di catanesi ce ne stanno pochi. Gli studenti infatti se la passano sempre meglio degli abitanti, che invece non hanno servizi "dedicati" di nessun genere: ok, si è al centro di Catania con gli ospedali più grandi, il comune a due passi la sede AUSL centrale e molto altro, ma la delegazione comunale e il "consiglio di circoscrizione" della municipalità ...

Americani a Librino – come riprogettare un quartiere usando solo il cervello

Scritto da: il 18.05.09 — 0 Commenti
Ricopio un mio articolo per Step1: si chiama A Librino è tempo di Americanate. Geniali e parla della videoconferenza finale del progetto Re-energizing Utopia, svoltasi nell'Aula Magna del DAU giorno 15 maggio, un "giorno dedicato a Librino", con l'inauguraizone della Porta della Bellezza. A Librino è tempo di Americanate geniali. Zack è uno studente americano e, forse, è un genio: ha trovato un'idea talmente semplice per rilanciare Librino, che il primo istinto di chi in questo territorio infestato dalle zanzare ci vive da sempre è il classico "perchè non ci ho pensato prima?". Zack ha pensato di convogliare con delle pompe idrauliche, economicissime, le acque reflue che infestano le fondamenta degli edifici, e di convogliarle in un fiume "River Librino - Fiume Librino", da creare per lo scopo. L'umidità di risalita che rovina le fondamenta dei palazzi, i conseguenti interventi di risanamento e le già citate e odiose zanzare saranno solo un ricordo. In un colpo solo si migliora la qualità della vita di un quarto di Catania e gli si fa risparmiare una barca di soldi. Dimenticavo di dire che le pompe con la forza dell'acqua produrrebbero anche energia elettrica. Easy. Ma chi è Zack? Zack è uno studente del master in progettazione ambientale LED (Landscape Energy and Democracy) della Cornell University in USA, sbarcato in Sicilia con una decina di suoi colleghi per realizzare il "lavoro di laurea" a Librino, con la guida del prof Deni Ruggeri e del LabPEAT dell'Università di Catania. Questa collaborazione così incredibile - una delle più importanti e rinomate università americane che si occupa della periferia più problematica di une delle più problematiche città del sud Italia sarà pure un fatto incredibile - non è nata per caso, ma si è sviluppata su un lavoro già impostato dal corso di Tecnica Urbanistica della professoressa Busacca a Catania, ...

Re-energizing Utopia – LabPEAT e Cor­nell University concludono il workshop su Librino

Scritto da: il 14.05.09 — 2 Commenti
A conclusione della collaborazione e del workshop Re-energizing Utopia tenutosi nel quartiere di Librino in collaborazione fra il LabPEAT dell'Università di Catania e la prestigiosa Cornell University, gli studenti americani espongono in videoconferenza i lavori di fine corso sul quartiere di Librino. Venerdì 15 maggio ore 15.00 Aula Magna Olveri, DAU, Facoltà d'Ingegneria,Catania

Altro che Hotel – Step1 visita la residenza Costa in via Etnea

Scritto da: il 14.05.09 — 1 Commento
Step1 continua con le sue videoinchieste, e stavolta parla di residenze universitarie. Ascensore fermo (e sono 8 piani), umidità ovunque, uno stabile che gli stessi responsabili pensano possa crollare in caso di terremoto... E' la residenza universitaria Costa, 250 posti letto, gestiti dall'Ersu. Si trova in via Etnea all'incrocio con via Passo Gravina, praticamente di fronte la sede dell'Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, e tutti a Catania la chiamano "Hotel Costa"... Per leggere l'articolo cliccate qui, mentre di seguito potete vedere il video di Desirée Miranda e Gianluca Nicotra... [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Pmgz9y4diZs[/youtube] La "Zazzamita production"  un paio d'anni fa fece un "giro" all'Hotel Costa, già in pessime condizioni. I problemi erano esattamenti gli stessi, ma gli studenti davano un "giudizio positivo" perché le residenze ERSU nonostante i numerosi limiti sono gratuite ed è meglio un servizio imperfetto gratis degli affitti in nero mostruosamente cari.... L'ERSU a Catania dispone in totale di poco più di 1000 posti letto, su una popolazione studentesca che supera le 50000 unità... [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=pBXe50cpQyo[/youtube]

Rettotorato, il ri-Recca

Scritto da: il 30.04.09 — 0 Commenti
Recca rettore: nessuno aveva dubbi, anche perché la manovra delle elezioni anticipate più che un "mettersi in discussione", è sembrato un tentativo di dimostrare la propria forza, per un "governo" dell'Università catanese più sereno e tranquillo. Progetto in parte riuscito, con una larghissima maggioranza, ma i numeri pur essendo ottimi non sono del tutto confortanti: tante schede bianche, e una percentuale che "bulgara" come nelle previsioni non è stata. Per il resto, la continuità amministrativa in un momento critico per via soprattutto  dello scandalo di Farmacia (ma non solo, si parla fra gli studenti del coinvolgimento di altre facoltà nell'inquinamento da sostanze tossiche) dovrebbe far bene all'Ateneo. Purtroppo, però, come potete vedere nella foto sopra (e come abbiamo visto con le pessime aule del Working Capital Camp) la situazione delle strutture universitarie catanesi è piuttosto critica; e poi tanti studenti, pochi docenti, molti (troppi) precari, uno scollamento totale dal mondo del lavoro... Questo per restare ai problemi dell'Ateneo,perché se andassimo a vedere i problemi specifici delle singole facoltà l'elenco sarebbe lungo e molto più pesante... La foto sopra è stata scattata al Monastero  dei Benedettini, ed è una "normale" fila per prenotarsi a un esame....

Re-energizing utopia – LabPEAT e Cor­nell University per Librino

Scritto da: il 09.03.09 — 2 Commenti
Urbanistica partecipata: continua l'impegno verso il territorio di Librino del LabPEAT dell'Università di Catania. A partire dal 10 marzo ci saranno 5 giorni intensi di incontri sul grande quartiere catanese, in una collaborazione Italia- USA che si pone come obiettivo di ridare energia all'Utopia della Città Satellite. Ecco il programma completo: Re-energizing utopia/ Toward a 21st century Librino Workshop di progettazione collaborativa organizzato dal Laboratorio per la Progettazione Ecologica e Ambientale del Territorio, Università degli Studi di Catania in collaborazione con Capstone Studio, Master in Landscape Architecture, Cornell University (prof. Deni Ruggeri) Presentazione del quartiere da parte di Massimiliano Nicosia, direttore editoriale del giornale locale “La Periferica” e presidente dell’Associazione Culturale “Oltre la Periferica”. (Laboratori sociali – La Casa della Città) Martedì 10 marzo 10-13: > Giro della città, guidato dalla prof. Arch. Piera Busacca, direttore del Laboratorio per la Progettazione Ecologica e Ambientale del Territorio, Università degli Studi di Catania. 15-18: > Librino, visto dall’esterno. Discussione dei lavori di lettura del territorio di Librino elaborati degli Studenti del Laboratorio di chiusura del Master in Architettura del Paesaggio, Cornell University, coordinato dal prof. Deni Ruggeri. (Laboratori sociali - La Casa della Città, via Etnea 742, Catania) Mercoledì 11 marzo 9-13: > Esplorando Librino. Visita collettiva del quartiere di Librino e dei suoi principali Landmarks; visita alla sede-museo dell’STA progetti di Librino. 16.30-21: > Librino, visto dall’interno. Discussione sui lavori degli Studenti tesisti del Laboratorio per la Progettazione Ecologica e Ambientale del Territorio, Università degli Studi di Catania. > Giovedì 12 marzo 9-18: > Esplorando Librino. Librino: storia, identità e progetto. Visita organizzata dall’ing. Antonio Raciti (LabPeat). Durante la giornata verrà fatto un tour guidato dal Sig. Alfio Guzzetta, presidente dell’Associazione TerreForti di Librino, a Borgo Librino, insediamento storico del quartiere di matrice rurale. > Le diverse forme del diritto alla casa. Visita guidata dall’ing. Laura Saija, membro ...

La Matassa – Ficarra e Picone incontrano gli studenti il 9 marzo

Scritto da: il 05.03.09 — 0 Commenti
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ydfVpx9-V2o[/youtube] Finalmente ci siamo: dopo averne parlato tanto, seguito gli spostamenti del set e cercato di ricostruire la trama, La Matassa, il nuovo film di Ficarra e Picone, sta per arrivare nelle sale. Il "grande giorno" sarà il 13 marzo. Tuttavia Ficarra e Picone saranno a Catania giorno 9 alle ore 12.00 presso l'auditorium del Monastero dei Benedettini (piazza Dante) per parlare del nuovo film agli studenti universitari catanesi. La presentazione sarà arricchita dagli interventi di due docenti della Facoltà di Lettere, Fernando Gioviale (docente di discipline dello spettacolo) e Alessandro De Filippo (docente di tecniche del linguaggio cinematografico) Sinossi Questa e' la storia di una lite, anzi della lite. Quella lite, simile a tante altre che gia' erano state, ma che allontano' per sempre due fratelli, e le loro famiglie. Due fratelli che avevano sempre vissuto da fratelli, condividendo gioie e dolori, superando insieme le difficolta' della vita e dei loro caratteri, con amore. Lo stesso affetto che avevano trasferito ai loro figli, i due cugini, (Ficarra e Picone), cresciuti per tanti anni come fratelli. Cosi' diversi tra loro: prepotente e carnefice il primo (Ficarra), remissivo e vittima il secondo (Picone). Poi, d'improvviso, quella lite li allontano', rendendoli non più fratelli, se non nei loro ricordi di quel meraviglioso periodo della vita, che e' l'adolescenza. Oggi, al momento della nostra storia, i nostri eroi sono due trentenni che conducono due vite profondamente diverse. I due riusciranno a fare luce sui reali motivi della storica lite fra le famiglie e riscoprire quei valori che una volta ne avevano accomunato le vite? fonte [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=aV5JXa2odSQ[/youtube]

Radio Zammù 13 ore no stop!

Scritto da: il 23.12.08 — 0 Commenti
[HTML2] Dopo l'appello "Non spegneteci i microfoni", Radio Zammù passa all'attacco: per dimostrare che la Radio Universitaria è una cosa seria, lo staff della radio si tuffa in una diretta 13 ore no stop. Una vera e propria maratona dalle 7.30 alle 21. Collegatevi subito al 101.00 fm, non si sa mai che l'anno prossimo non potremo più farlo!!!

Appello di Zammù “Non spegneteci i microfoni”

Scritto da: il 20.12.08 — 2 Commenti
Non spegneteci i microfoni! Il 31 dicembre si conclude il progetto "Il Linceo" su cui è stata finanziata Radio Zammù da un anno e mezzo a questa parte. Quelle risorse, in primo luogo, hanno permesso alla radio dell'Università di Catania di fare il grande balzo sull'etere e poter essere trasmessa in modulazione di frequenza. Ma quelle risorse hanno anche permesso il funzionamento dello staff che lavora in radio e l'attività redazionale. Risorse necessarie e vitali per permettere a Radio Zammù di andare avanti, pur tra tante difficoltà. Che succederà ora? Radio Zammù non ha nessuna intenzione di mollare, aiutateci a sostenere la nostra causa: occorre trovare nuove risorse. Chi è disposto a sostenere Radio Zammù? Facciamoci, fatevi sentire. Inviate una mail a info@radiozammu.it per aiutarci ad andare avanti! Grazie

Manifestazione studentesca e occupazione rettorato del 14 novembre – foto e video

Scritto da: il 15.11.08 — 0 Commenti
Come segnalato nel post precedente, ieri sera al Palazzo Centrale Occupato dell'Università di Catania si è tenuta una festa. A questo indirizzo alcune foto. Sul corteo di ieri c'è stata invece molta meno attenzione rispetto al precedente del 30 ottobre, un fallimento? Secondo Giuseppe Capuano su Megaron si... Desirée Miranda su Step1 riporta invece alcune opinioni dall'interno del corteo. Sempre Step1 propone tanti video sul proprio canale Youtube. Video di Step1 sulla manifestazione studentesca del 14 novembre [youtube 4DHYJNTRkKw] Video di LaSiciliaWeb sulla stessa manifestazione [youtube 1EEbENQ-xk8]
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple