Tutti gli articoli su Sigonella

Produzioni dal basso – video inchiesta “Morire a Lentini”

Scritto da: il 20.02.09 — 0 Commenti
Cari lettori di 095, oggi vi segnalo un evento, che si svolgerà a Catania giorno 24 febbraio ma che riguarda una cittadina, Lentini, che ufficialmente non è nella provincia di Catania, pur essendo a "due passi" dalla nostra amata città. L'evento è la presentazione dell'inchiesta "Morire a Lentini" martedì 24 febbraio alle 19.00, presso l'Auditorium della Facoltà di Lettere di Catania, in Piazza Dante. Perché a Lentini "si muore"? La spiegazione è nelle parole della giornalista Natya Migliori, che ha curato l'inchiesta e dalla quale, in collaborazione con Gemini Movie è partita l'idea di farne una "produzione dal basso". da più di un anno, seguo come giornalista indipendente l'allarmante vicenda dell'alto numero di casi di leucemia (circa 4 volte il tasso nazionale) che da vent'anni sconvolge la piccola cittadina di Lentini, in provincia di Siracusa.. Casi, in gran parte mortali, conseguenti allo schianto e all'incendio, nei primi anni '80, di un aereo della base militare di Sigonella, zavorrato di uranio impoverito. Grazie alla casa di produzione catanese Gemini Movie Production, la vicenda diverrà una video inchiesta. Ma non solo. Quello che ci proponiamo di fare è mettere un primo tassello per rompere quella barriera di silenzio che da vent'anni pesa sui fatti di Lentini, rendendoli, se è possibile, ancora più intollerabili. Per questo motivo, "Morire a Lentini"  nasce come progetto di "Produzione dal basso", a cui ognuno può partecipare attraverso la prenotazione di una o più copie del lavoro. Non si tratta di una semplice campagna di finanziamento. L'obiettivo è infatti creare una rete di rapporti che al contempo si faccia sostenitrice, divulgatrice e co-finanziatrice del progetto. La morte di cui parla il video quindi è la leucemia, che colpisce gli abitani di Lentini con un tasso 4 volte superiore alla media nazionale. “MORIRE A LENTINI”. Una video inchiesta prodotta DAL BASSO CON LA REGIA DI GIACOMO GRASSO, A CURA DI NATYA MIGLIORI. Cosa ...

Dibattito su Sigonella

Scritto da: il 23.05.08 — 0 Commenti
  Pax Christi Italia – Comunità dell’Arca di Catania – Comunità parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, Catania – Mosaico di Pace – Università degli Studi di Catania La Base di Sigonella: sicurezza, indifferenza o inquietudine? Aula Magna ex-Monastero dei Benedettini, Piazza Dante, Catania Sabato,24 maggio 2008 ore 9.00 - Le basi militari NATO in Italia Moderatore: Giorgio Buggiani, Punto Pace Pax Christi di Catania   don Fabio Corazzina, coordinatore nazionale Pax Christi Antonello Mangano, giornalista Tonino Camuso, Osservatorio Brindisi   Discussione   ore 11.00 – La Base di Sigonella Moderatore: Antonio Pioletti, Pro-Rettore Università di Catania   Antonio Mazzeo, scrittore: Sigonella e la guerra Francesca Longo, ordinario di politica dell’U.E., Università Di Catania: Sigonella e lo Stato Italiano   Discussione   ore 16.00 – Sigonella interroga la nostra coscienza Moderatore: Tito Cacciola, Comunità dell’Arca di Catania   Don Pino Ruggieri, teologo Don Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea Interventi preordinati   Discussione   ore 17.30 – Sigonella e il territorio Moderatore:Luigi Pasotti, Punto Pace Pax Christi di Catania   Rosario Battiato, giornalista Interventi preordinati   Discussione   Ore 18.30 – Conclusioni: don Luigi Bettazzi e don Fabio Corazzina Che cosa rappresentano per noi le basi militari NATO in Italia ed in particolare la base di Sigonella nei pressi di Catania? Sono fonte di sicurezza o di pericolo? Hanno scopi difensivi o offensivi? Quali sono i rapporti della base di Sigonella con lo Stato Italiano? E’ una base amica, in sintonia con le strategie del nostro paese, o è un pezzo di potenza straniera trapiantato sul suolo italiano? E c’è un filo diretto tra la base e i vari teatri di guerra guerreggiata? Nel caso di una crisi acuta, in un verosimilmente intricato groviglio di competenze e responsabilità, chi ha l’ultima parola? La presenza di un tale formidabile apparato bellico, le cui finalità possono apparire discutibili, come viene accettata dalla nostra coscienza?

CENTODONNECENTOBICI – Cicloviaggio al femminile

Scritto da: il 19.05.08 — 0 Commenti
Arriveranno oggi da Vicenza quattro donne che inizieranno il loro viaggio attraverso la Sicilia in bicicletta, e che saranno ospiti, in questa tappa di Catania delle Associazioni che stanno promuovendo il Convegno: "La base di Sigonella: Sicurezza, Indifferenza o Inquietudine?" di sabato 24 maggio all'ex Monastero dei Benedettini (vedi locandina), vale a dire di Pax Christi Italia · Comunità dell'Arca Italiana · Comunità parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, Catania · Mosaico di Pace. Lunedì 19 maggio alle ore 15.00 da Sigonella NAS I a Sigonella NAS II (Aeroporto) insieme alle donne di Vicenza che lunedì inizieranno il loro itinerario in Sicilia dal titolo "Centodonnecentobici" RITROVO: ORE 15.00 Azienda agricola Sapienza SS 192 km 75+700 PARTENZA: ORE 15.30 ITINERARIO ANDATA: SS 192, SP 106, SP 105, Base di Sigonella NAS II (Arrivo previsto ore 16.30); ITINERARIO RITORNO: SP 69, SP 70, SP 207, SP 106, SS 192 (Az. Sapienza) La lunghezza del percorso è di circa 22 Km. Chi arriverà da Catania direttamente in bicicletta potrà rientrare dalla SP 69. Alle ore 19.00 infine, di ritorno dal percorso, si terrà un Incontro - Conferenza Stampa a Catania presso la Sala Bonaventura della CISL, Via di Sangiuliano 313
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple