Tutti gli articoli su Riccardo Orioles

Graziella Proto – quando l’antimafia, fra gli applausi, resta sola a pagare le cambiali

Scritto da: il 05.06.09 — 1 Commento
L'antimafia piace a tutti. Tutti siamo contro la mafia, e tutti, politici compresi, diamo "un plauso" alle iniziative di sensibilizzazione al problema, tutti ci commuoviamo davanti a film come "I Cento passi", e se possiamo ci iscriviamo a gruppi Facebook "in ricordo di". L'antimafia c'è però chi la fa, e ci mette il suo tempo, e quando non basta il tempo investe i suoi soldi, perché raccogliere contributi non è facile come raccogliere plausi e consensi. Riccardo Orioles e Pino Maniaci hanno deciso di parlare della vicenda di Graziella Proto, che da amministratrice de "I Siciliani" negli anni '80 fece cambiali su cambiali e adesso è in una situazione complicata per via dell'attaccamento alla causa dell'antimafia. Come scrivono a fine della lettera Orioles e Maniaci, anche io "non so cosa ne pensa Graziella", e parlo di questa vicenda senza aver chiesto a lei (che ho conosciuto e ammirato alla guida di Casablanca) il permesso. Ma leggerete questa lettera un po' ovunque in giro per il web. Posso dire di essere fra quelli che hanno fatto ben poco per aiutarla, ma spero che questa lettera sblocchi la situazione e l'inerzia mia e di molti ben più importanti di me, per evitare un'epilogo paradossale a questa vicenda...  Graziella Proto, amministratrice e redattrice dei Siciliani anni '80, sta perdendo la casa per via dei vecchi debiti del giornale. L'antimafia è bella e tutti appoggiano l'antimafia, si capisce: però le cambiali, oltre vent'anni fa le ha dovuto firmare Graziella. I Siciliani, una rivista "storica" e elogiata da tutti, vendeva fra 15 e 30mila copie. Però - imprenditori siciliani... - non aveva uno straccio di pubblicità, e quindi ci voleva qualcuno che firmasse cambiali. E questo qualcuno era Graziella. La cooperativa faceva parte della Lega delle Cooperative, che però in quel periodo aveva grossi affari coi Cavalieri. Il giornale era un ...

Ucuntu è arrivato al numero 30!

Scritto da: il 23.02.09 — 0 Commenti
[HTML1] Quello sopra è il pdf numero 30 di "Ucuntu", settimanale solo online che da circa 10 mesi (è nato ad Aprile 2008) parla di informazione catanese, siciliana, nazionale, e in particolar modo di antimafia. Spesso qui su 095 ho riportato gli articoli di Giuseppe Scatà presi da questo strano "settimanale", cartaceo ma solo su internet (utilizzando il sito Issuu.com, una sorta di youtube per i pdf), creato usando una gabbia grafica semi-professionale ma gestita tramite openoffice.org, un giornale che invece di un logo per testata ha una data... Insomma, sono 30 numeri, un impegno costante che dura e non accenna a diminuire, e mi sembrava giusto fare un post "celebrativo". Di seguito ricopio una intervista apparsa su Narcomafie, fatta dal "solito" Scatà al direttore e ideatore di Ucuntu, Riccardo Orioles, un uomo che è protagonista di almeno una decina di esperimenti di informazione libera di peso in tutto il Sud Italia... VI RACCONTO ’U CUNTU - Cosa vuol dire fare informazione antimafia oggi?Non permettere alla gente di adagiarsi nella normalità della mafia. La mafia oggi è "normale". Non che tutto sia mafia (neanche ai tempi del fascismo tutto era fascismo). Ma la mafia fa ormai parte a pieno titolo delle basi culturali ed economiche del Paese. E politiche, ovviamente. - Per esempio? Per esempio, abbiamo al governo un partito che prima delle elezioni ha pubblicamente chiesto i voti della mafia (il "Mangano eroe" di Dell’Utri è stato trasparentemente questo). Si può far finta di non saperlo, certo, così si dorme meglio. Anche bravissima gente come Gronchi o Croce, all’inizio, non voleva capire che Mussolini non era la solita destra ma un’altra cosa. E questo cambiava tutto. Cambia tutto. Perchè è così difficile avere un giornale o una rivista che racconti la verità in Sicilia? Perché non la verità non è solo che ...

Laboratorio di giornalismo, gratis, al GAPA

Scritto da: il 03.11.08 — 3 Commenti
Un laboratorio di Giornalismo tenuto da due professionisti e anche gratuito. Una opportunità unica, anche per chi come me studia Scienze della Comunicazione e collabora con un buon numero di quotidiani e siti locali: i giornalisti professionisti, e i buoni maestri, a Catania sono mosche bianche. Quando poi uno dei due è il mitico Riccardo Orioles non si può che correre ad iscriversi. In questo caso basta una email, (ma se proprio non l'avete - ne dubito visto che leggete il blog - provate a presentarvi alla prima lezione) LABORATORIO DI GIORNALISMO - > per adesioni scrivere a rredazione@gmail.com Tutte le lezioni si terranno al GAPA, Via Cordai 47 - Catania, alle ore 19.00 in punto, dal 4 al 17 dicembre ogni martedì e mercoledì Gli incontri Novembre Martedì 4 Mercoledì 5 Martedì 11 Mercoledì 12 Martedì 18 Mercoledì 19 Martedì 25 Mercoledì 26 Dicembre Martedì 2 Mercoledì 3 Martedì 9 Mercoledì 10 Martedì 16 Mercoledì 17 I professori Martedì Riccardo Orioles Mercoledì Gianfranco Faillaci Gli argomenti Le lezioni avranno una durata di un'ora e mezza. Parleranno di cronaca nera e cronaca giudiziaria, il punto titolo, un po' di storia del mestiere, come si scrive un servizio giornalistico, l'inchiesta e il  reportage. Il simbolo del laboratorio. "Zorro Giornalista", è stato disegnato da Mauro Biani. Il corso è gratuito salvo le spese (fotocopie etc..) COME RAGGIUNGERE IL GAPA da alcuni luoghi di cui ho parlato in questi mesi sul Blog Da Piazza Duomo (sede del Comune di Catania) Da Piazza Dante (sede della Facoltà di Lettere, dove studia Miss Italia 2008...) Da Piazza dell'Elefante (unica piazza di Librino) Da via Siena 1 (sede di CittàInsieme) Da ricevitoria Giunta viale Mario Rapisardi (dove hanno vinto 100 milioni di euro) Da Aci Sant'Antonio ( città di bloggers) Da Partinico (città di TeleJato) Da Marsala (ne ho parlato nel secondo post)
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple