Tutti gli articoli su PRG

Caltagirone e la laurea contestata – video

Scritto da: il 26.04.10 — 1 Commento
Un video di Antonio Condorelli tratto da L'Espresso. Le immagini sono state "rubate" alla consegna della Laurea Honoris Causa a Francesco Bellavista Caltagirone, noto costruttore romano, ma "noto" a Catania per la vicenda dell'Ex Mulino Santa Lucia, complesso di edicici oggi sequestrato. La Cerimonia è stata contestata. [HTML1] Il costruttore romano di origini siciliane, è stato insignito dall'ateneo catanese della laurea honoris causa in 'Governo e gestione delle Amministrazioni e Imprese'. Ma la sua impresa, Acqua Pia Antica Marcia, ha costruito a Catania un edificio sul lungomare, al posto dell'ex mulino Santa Lucia, sotto sequestro della magistratura per irregolarità e ricadente nell'area destinata a sede stradale e verde pubblico dal PRG. L'incidente di percorso non ha impedito all'ateneo di laureare Caltagirone lo scorso ottobre 2009, alla presenza di vari politici e del procuratore generale Giovanni Tinebra Servizio di Antonio Condorelli LEGGI Catania Connection di Lirio Abbate e Gianfrancesco Turano [26 aprile 2010]

Antico Corso, una riflessione

Scritto da: il 30.03.10 — 0 Commenti
Comandano i potenti o comandano i cittadini? Rapporto tra gli abitanti e l'Università, tra i poveri affittuari costretti ad andarsene e e gli speculatori proprietari delle baracche dalle quali spremere profitti altissimi. Questa è una riflessione sull'Antico Corso, ovvero il quartiere che sorge tra via Plebiscito e via Vittorio Emanuele, dove hanno sede il Monastero dei Benedettini con dentro le Facoltà Universitarie di Lettere e Lingue, il Liceo Boggio Lera, il Liceo Spedalieri, il convento dei Gesuiti che fino a poco tempo fa ospitava l'Istituto d'Arte, la Via Crociferi con tutte le sue meraviglie (e le sue sedi di sindacato), la Villa Cerami dunque con la Facoltà di Giurisprudenza, e poi ancora la Facoltà di Scienze della Formazione (da poco) il complesso delle "Verginelle" che fino a qualche anno fa era Centro Sportivo, e poi andando verso nord l'Ospedale Vittorio Emanuele, il più grande della Sicilia, l'Ospedale Santo Bambino dedicato all'ostetricia (nascono qui il 90% dei catanesi), la rimessa dell'AMT ecc... Ci abitavano 10 mila abitanti negli anni '90, ora ce ne stanno 4 mila circa. Nelle abitazioni fatiscenti da loro occupate, "loro" gli ex abitanti, oggi ci stanno gli studenti che pagano affitti esorbitanti quasi sempre in nero. Piazza Dante, una delle più belle della città, è un tappeto di auto quotidianamente, e gli studenti non hanno nemmeno una mensa in zona. La domenica e nelle feste invece il quartiere è vuoto, gli studenti tornano a casa, ma di abitanti e di catanesi ce ne stanno pochi. Gli studenti infatti se la passano sempre meglio degli abitanti, che invece non hanno servizi "dedicati" di nessun genere: ok, si è al centro di Catania con gli ospedali più grandi, il comune a due passi la sede AUSL centrale e molto altro, ma la delegazione comunale e il "consiglio di circoscrizione" della municipalità ...

Conferenza sul Piano Regolatore Generale di Catania: realtà o utopia?

Scritto da: il 02.04.09 — 0 Commenti
L'Associazione Culturale CittAMICA organizza per domani 3 aprile 2009, alle ore 15:30 presso l'UNA Hotel, via Etnea, 218- Catania, una conferenza-dibattito sul tema "Il Piano Regolatore Generale di Catania: realtà o utopia?". Il programma potete leggerlo cliccando su questo link. Perché vi segnalo un appuntamento "tecnico"? Perché è ormai dal lontano Piano Piccinato degli anni '60 che la nostra città non ha un PRG, e si va avanti con le varianti nel caos più totale... Il PRG dunque è fondamentale per Catania, e sentirne parlare potrebbe essere un'occasione importante per tutti, non solo gli ingegneri.

PRG Catania: il Sindaco farà lo stimolatore

Scritto da: il 09.07.08 — 3 Commenti
[youtube c2-WzqBkxWQ] "Ho detto in tutte le salse che l'Amministrazione comunale, il Sindaco, la Giunta comunale, sarà parte attiva pesante stimolatrice nei confronti del Consiglio comunale perchè quanto prima venga esitato" l'oggetto è il PRG, Piano Regolatore Generale. Queste le parole del sindaco Stancanelli, che dovrà finalmente affrontare questo nodo irrisolto della politica cittadina (prioritario insieme al mostruoso debito), e decidere in merito al nuovo PRG proposto ormai più di 10 anni fa e modificato tante e tante volte da non capirci più nulla. Per capirci qualcosa ho quindi fatto la solita, banale ricerca su Google "prg Catania" e sono venute fuori tre pagine interessanti: Ambiente e Sviluppo, Direzione Urbanistica del Comune di Catania, e soprattutto un blog. In realtà non è un vero blog, ma una raccolta di critiche al PRG presentato dall'amministrazione Scapagnini. L'autore è infatti un certo Giovanni Giacalone, e presumibilmente si tratta dell'ex Consigliere Comunale di area PD (non riconfermato)... Al di là delle critiche, condivisibili o meno, è lodevole (e senza dubbio da approfondire) l'analisi fatta sulle singole municipalità: i "numeri" sono quelli del PRG senza esagerazioni ed esposti in maniera pouttosto neutra, niente condanne a priori sul PRG, ma critiche (qui ci vuole) "costruttive". Certo una bella iniziativa , che risale però al 2006: da allora chi ne ha più sentito parlare di PRG? Di seguito l'elenco degli 11 post su questo originale blog-elettorale, mai (o mal) sfruttato per le elezioni. Sfruttiamolo noi come base per "stimolare" un dibattito. QUESTO PRG NON RISPETTA LA CITTA' I Municipalità Centro: ALTRO CHE RECUPERO... II municipalità Ognina Picanello:QUEI CENTRI COMME... III municipalità Borgo Consolazione: NUOVI VANI AL... IV municipalità Barriera Canalicchio: EVVIVA LA SC... V municipalità: MOBILITA' IGNORATA VI Municipalità ALTRO CHE UNIVERSITA’ VII Municipalità: TRE GRAVI DIMENTICANZE VIII municipalità: ANCORA ALTRO CEMENTO IX Municipalità: A LIBRINO NUOVA EDIFICAZIONE X Municipalità: ALLAGATI PER SEMPRE

Catania: Mafia e appalti

Scritto da: il 25.06.08 — 7 Commenti
''La mafia catanese si sta riorganizzando per gestire il fiume di denaro derivante dagli appalti derivanti dal nuovo Prg''. Ad affermarlo e' il procuratore di Catania Vincenzo D'Agata in un'intervista rilasciata al mensile 'S' in edicola domani. ''Sarebbe velleitario - spiega D'Agata - pensare che la mafia a Catania sia scomparsa. E' in atto una riorganizzazione interna ai clan e l'organizzazione gode ancora di grande forza. La ribellione al racket delle estorsioni non e' ancora cosi' massiccia da far pensare a un'inversione di tendenza''. ''Il settore verso il quale la mafia sta rivolgendo maggiore attenzione - aggiunge - e' quello degli appalti e dei lavori pubblici. In questo momento a Catania ci sono molte grandi opere in costruzione o con i cantieri in procinto di partire. E' necessario tenere alta la guardia su questo fronte'. (Fonte Ansa)
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple