Tutti gli articoli su lettera

Da non imitare – lettera al milionario

Scritto da: il 25.02.09 — 0 Commenti
Vi propongo una PERLA delle bufale (o almeno spero che lo sia), segnalata da kaos sul blog Magma, sul nostro giornale locale preferito (ah, è l'unico), La Sicilia: due sedicenti avvocati scrivono una lettera al vincitore dei 100 milioni al super enalotto proponendogli degli investimenti "dato il senso di smarrimento e confusione che l'improvvisa fortuna può provocare". La lettera non è per nulla scritta bene (non fosse altro per quel cambio di persona da "Io" del primo paragrafo al "Noi" del resto della lettera), non sembra certo scritta da una coppia di avvocato con 30 anni di esperienza in sostanza... Ma eccola trascritta, dopo averla letta vi aspetta la parte "assurda" della vicenda: LETTERA APERTA AL VINCITORE DEI 100 MILIONI DEL SUPERENALOTTO Sono trascorsi tre mesi dalla vincita. Oramai sarai venuto in possesso della enorme somma. Forse non ti sembra ancora vero: so per certo che un senso di smarrimento e di confusione può impadronirsi di ciascuno di noi di fronte a tale improvvisa fortuna. Ci permettiamo, allora, di darti qualche consiglio, nel convincimento che tu sia circondato da persone alle quali, tuo malgrado, non puoi chiedere nulla per non svelare il tuo segreto. Vero è che ciascuno col proprio denaro può fare ciò che meglio crede o reputa più opportuno, ma è pur vero che, on presenza di siffatte vincite, incomba sul fortunato un dovere morale che impone di tener conto delle esigenze degli altri, delle persone meno felici o che dalla vita non hanno avuto nulla. Siamo una coppia di Avvocati ed esercitiamo da oltre 30 anni; ci onoriamo di far parte di una Associazione Nazionale di ispirazione cristiana che tra i suoi scopi istituzionali ha la tutela di ogni interesse materiale e morale del singolo, espletando l'esercizio della professione senza alcun fine essenziale di lucro, nonché l'assistenza, anche gratuita, nei confronti dei meno abbienti, in ...

Consigli utopistici di quartiere: “politici autoriduciamoci del 70% lo stipendio”

Scritto da: il 12.09.08 — 5 Commenti
Facciamo finta che Catania sia una città normale, dove tutto procede nella norma delle difficoltà quotidiane, con problemi simili alle altre città italiane... Se riuscite a fare finta che sia così vi faccio una domanda, alla quale spero riuscirete almeno voi a dare risposta: i consigli di quartiere si sono insediati? Vero è che se persino il "fratello grande", il consiglio comunale ci ha messo due mesi per fare la prima seduta, pretendere che i "poveri" (in confronto al fratellone di Palazzo degli Elefanti, non in senso assoluto) consigli di quartiere riescano a riunirsi e a prendere decisioni forse è davvero troppo... Ma siccome sono passati 3 mesi, io ritengo che in una città normale, non Catania, questo tempo lunghissimo avrebbe creato qualche imbarazzo nell'opinione pubblica. "Qui l'opinione pubblica aspetta lo stipendio dal Comune da mesi e mesi" mi si potrebbe ribattere, e quindi magari i consiglieri di quartiere aspettano che la povera gente percepisca gli stipendi e gli arretrati dal Comune prima di far spendere soldi in preziosi gettoni di presenza. Cercando informazioni su internet riguardo alle municipalità catanesi ho trovato una lettera del 2007 di Rosario Patanè, presidente della Nona Municipalità dal 2005 fino alle elezioni di quest'anno (impresa ardua capire se è stato candidato e/o rieletto da questa pagina). Patanè proponeva l'autoriduzione dello stipendio del 70% da parte di tutti i politici. Mi sembra un'ottima proposta per risarcire tanta gente in gravissime condizioni economiche proprio a causa dell'Amministrazione Comunale. Peccato che nessun lungimirante e assennato consigiliere catanese lo abbia fatto (nemmeno Patanè). Ecco qui il link e subito dopo parte del testo della lettera Esilarante bega da cortile al Comune di Catania Comune di Catania 12ª direzione “Servizi demografici e decentramento” 4° servizio “Servizi di municipalità - coordinamento 2ª-6ª-9ª municipalità” 9ª municipalità - “S. Giorgio-Librino” Vorrei dire la ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple