Tutti gli articoli su giunta

CATANESI APRITE GLI OCCHI!

Scritto da: il 03.06.10 — 0 Commenti
E’ necessario gettare uno sguardo complessivo sulle vicende di questa città, per leggere, al di là degli avvenimenti, il loro significato, le logiche interne che collegano fatti apparentemente slegati. Il primo dato che salta subito agli occhi, è la deriva politica della amministrazione della città. Faide, interessi, lotte fra partiti e fazioni si proiettano da Palermo a Catania, eliminando di fatto qualunque intesa e rendendo impossibile ogni progetto politico. Il sindaco, che galleggia sui detriti della maggioranza, ha licenziato in blocco e in tronco la giunta, nominando otto assessori “tecnici”, i quali (caso assolutamente inedito sia a Catania che altrove) hanno come compito principale quello di permettere al sindaco di non dimettersi e di sopravvivere in attesa che si plachino le acque e si accordino gli interessi della maggioranza che lo sostiene. Al di là del valore dei singoli “esperti” chiamati ad amministrare la città, è chiaro a tutti che la loro presenza serve solo da “maquillage” al fallimento di questa amministrazione, ed altro non potrà fare che confermare, complice la vicina calura estiva, la sua totale impotenza. Impotenza anzitutto politica. Un governo tecnico è sempre un governo di emergenza, è sempre un governo a tempo, a breve termine. Non può elaborare alcun progetto a lungo termine. Ma l’impotenza di fondo è economica. Le disponibilità del comune sono ridotte al lumicino. Nonostante la berlusconiana respirazione bocca a bocca, nessuna iniziativa valida, strutturale, profonda, può in queste condizioni essere non solo attuata ma pensata. Il tutto viene condito dagli “Stati Generali”. I due fenomeni: “impotenza politica” da un lato e “Stati Generali” dall’altro non sono separabili, ma da leggere come facce della stessa medaglia e della medesima strategia. Non essendo possibile agire… si parla! In assemblee chilometriche si dicono anche delle cose interessanti, destinate però a restare solo ottime intenzioni, che ricalcano progetti in parte già elaborati in questa città e rimasti ...

Addiopizzo Catania scrive al sindaco riguardo ai beni confiscati

Scritto da: il 04.06.09 — 2 Commenti
Lettera aperta al Sindaco Stancanelli Gentile signor Sindaco,il 25 maggio Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia, ai microfoni di Canale 5 ha dichiarato con orgoglio che a Buccinasco un immobile confiscato alla 'ndrangheta è stato convertito in un asilo capace di ospitare 60 bambini.Il presidente della regione Lombardia ha sottolineato con soddisfazione questo importante risultato voluto e realizzato in pochissimo tempo. Questo succede in Lombardia, appunto. Catania accade, invece, che un immobile confiscato alla mafia da un anno attende di essere consegnato ad Addioppizzo Catania e a Libera e questo nonostante la nostra associazione sia attualmente senza una sede propria, nonostante l'impegno profuso all'epoca dal prefetto Finazzo e dal suo staff, nonostante il presidente Lo Bello si sia dichiarato disponibile a rinunciare all'ipoteca che grava sull'immobile in questione qualora effettivamente assegnato alle due associazioni. Poche banali clausole di un altrettanto banale contratto di comodato d'uso vanificano, di fatto, il lavoro di quanti credono nella legalità e lottano ogni giorno per rendere migliore questa nostra terra.Noi riteniamo che il riscatto e la rinascita di questa città passino anche attraverso piccoli gesti concreti dall'alto valore simbolico.Dare la possibilità a due associazioni di usufruire di un immobile confiscato alla mafia in un quartiere come Picanello sarebbe un segnale forte ed importante da parte di questa amministrazione comunale.Per questo siamo sicuri che tale richiesta non sarà seguita da un fragoroso silenzio.

Operazione fiato sul collo: lunedì 6 tutti al Consiglio Comunale!

Scritto da: il 04.10.08 — 1 Commento
Le associazioni CittàInsieme, Gapa, Grilli dell'Etna invitano tutti i cittadini catanesi a seguire la seduta del Consiglio Comunale di lunedì 6 ottobre a partire dalle ore 18.00. il Sindaco relazionerà della situazione finanziaria del Comune. PREMESSA: Catania è piena di locali esclusivi, dove per entrare si ha bisogno di una VIP card, di un invito da raccomandatissimo e ovviamente anche della compagnia femminile "accompagnato sennò non entri". O comunque, la maggioranza di questi posti non sono per nulla "esclusivi", ma semplicemente non avendo di meglio da proporre rispetto alla concorrenza "si atteggiano" a esclusivi. In effetti vietare l'accesso in base alla simpatia del buttafuori non è proprio una cosa lecita, dovreste poter entrare in ogni locale pubblico, salvo che non si sia superarata la capienza massima o che stiate tenendo atteggiamenti poco consoni al pubblico pudore... Il Consiglio Comunale è uno di questi posti che "si atteggiano" a "esclusivi", quando in realtà pochi catanesi sanno che entrare dentro alla Sala consiliare per seguire le riunioni dei Consiglieri profumatamente pagati ANCHE in questo periodo di crisi è un diritto. Ovviamente non si può sbraitare o inveire contro i Consiglieri, non si può parlare a voce troppo alta, insomma non si può disturbare! Il massimo numero di persone "ammesse" per motivi di capienza è 100, ma il Regolamento del Consiglio dice che ci devono essere degli altoparlanti per diffondere quello che viene detto nell'edificio... Ecco la parte del regolamento che parla del "pubblico" Il pubblico può accedere nella parte dell’aula consiliare ad esso riservata, tenendo conto della capienza della stessa e per un numero non superiore a 100 persone. I vigili urbani addetti al servizio possono chiedere la esibizione di un documento di riconoscimento. Per consentire che i lavori del Consiglio possano essere seguiti dal maggior numero possibile di cittadini, l’ascolto sarà assicurato mediante altoparlanti ...

Giunta comunale: Stancanelli assegna le deleghe

Scritto da: il 09.08.08 — 2 Commenti
Dopo aver dato l'elenco dei nomi degli assessori comunali ma senza specificarne le deleghe, giorno 6 Agosto il sindaco Stancanelli le ha finalmente rese note. Come avevo già scritto, nessuna donna in Giunta,ma del resto anche la Giunta provinciale è "maschio 100%". Da notare inoltre l'assegnazione a Gaetano Riva, già presidente della Commissione Bilancio, del delicatissimo e chiaccherato (per via dell'immenso buco, ne parla l'Espresso proprio questa settimana)  assessorato che fu di Tafuri nella scorsa amministrazione. Auguro un grande "in bocca al lupo" a questa Giunta: non sarà facile essere all'altezza del duro lavoro da fare per risolvere la gravissima crisi di Catania. Ecco di seguito la lista come appare dal comunicato del Comune. Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, presiedendo la prima riunione della giunta municipale, ha assegnato le deleghe a ciascuno degli undici assessori precedentemente nominati. In dettaglio le competenze dell'esecutivo comunale risultano così distribuite: Gaetano Riva, commercialista: Bilancio, finanze, programmazione tributi, statistica, entrate, investimenti, programmazione negoziata, pianificazione econtrollo di gestione, riorganizzazione economica, rapporti con il Consiglio. Fabio Fatuzzo, insegnante: Cultura, biblioteche, rapporti con l'Università, gestione musei, politiche giovanili. Domenico Mignemi, dirigente pubblico; Ecologia, ambiente e nettezza urbana, parchi naturali, rapporti con l'Ato rifiuti Ct 4, progetto animali. Giuseppe Arcidiacono, medico cardiologo: Patrimonio, ufficio casa, edilizia popolare e convenzionata, espropri ed occupazione, affitti speciali e locazioni, gestioni immobili confiscati, ufficio stralcio ex ufficio speciale per l'emergenza traffico e sicurezza sismica. Angelo Sicali, insegnante: Aziende partecipate, Manutenzioni, manutenzione edifici scolastici, manutenzione edifici comunali, manutenzione strade, servizi cimiteriali, autoparco e verde pubblico. Mario Chisari, medico legale: Attività produttive, sviluppo economico, politiche del commercio, mercati, industria, agricoltura, innovazione, esternalizzazione, internazionalizzazione. Sebastiano Arcidiacono, insegnante: Politiche scolastiche, scuola materna, asili nido, attività parascolastiche, attività di orientamento scolastico, prevenzione ed educazione alla salute, edilizia scolastica, formazione, city lab. Antonio Scalia, commercialista: ...

Provincia: ecco i nomi della giunta

Scritto da: il 08.08.08 — 5 Commenti
Con un ritardo di 11 giorni, ricopio oggi qui l'elenco dei nomi degli assessori provinciali nominati dal neo presidente Castiglione il 28 Luglio, e che hanno effettuato il giuramento nella prima seduta del Consiglio provinciale tenutsi giorno 29 Luglio. Ecco i nomi: dott. Giovanni Ciampi, Personale, Avvocatura, Informatica, Politiche della Scuola (Pubblica istruzione, Edilizia scolastica, Ufficio scolastico). dott. Ottavio Vaccaro, Lavori pubblici, Viabilità, Mobilità e Trasporti. on. Vincenzo Oliva, Provveditorato, Economato, Autoparco e Patrimonio. On. Ascenzio Maesano, Politica finanziaria (Bilancio, Entrate, Spese e finanziamenti, Fiscalità, Programmazione finanziaria, Partecipazioni). p. i. Sebastiano Catalano, Politiche culturali (Beni e attività culturali, Edilizia culturale, Rapporti con l'Università). dott. Giovanni Bulla, Politiche dell'Ambiente e del Territorio (Ecologia,e Aree protette). comm. Giuseppe Pagano, Politiche giovanili, Politiche sociali e della Famiglia, Pari opportunità. dott. Francesco Ciancitto, Politiche del lavoro e della Formazione. dott. Massimo Pesce, Politiche dello sviluppo economico (Commercio, Industria e Artigianato). dott. Daniele Capuana, Sport ed Edilizia sportiva. geom. Orazio Pellegrino, Politiche agricole. Molti degli assessori sono riconfermati o comunque nomi noti della politica cittadina. Uno in particolare, il giovane (classe '75) Ottavio Vaccaro, è stato intervistato per l'iniziativa Elezioni Catanesi ‘08: I Cittadini Scendono in Campo. A questo indirizzo l'intervista che potremmo definire "doppia" al nuono assessore provinciale ai lavori pubblici Vaccaro messo a confronto con Mauro Juvara, che invece era designato assessore per il PD. Per tenervi aggiornati sulle attività della Provincia, potete leggere i comunicati stampa a questo indirizzo.

Stancanelli nomina la Giunta comunale: solo uomini

Scritto da: il 30.07.08 — 1 Commento
Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli con un suo provvedimento ha nominato i seguenti assessori che compongono la giunta comunale: Gaetano Riva, commercialista; Fabio Fatuzzo, insegnante; Domenico Mignemi, dirigente pubblico; Giuseppe Arcidiacono, medico cardiologo; Angelo Sicali, insegnante, indicati dal partito del Popolo della Libertà. Mario Chisari, medico legale; Sebastiano Arcidiacono, insegnante; Antonio Scalia, commercialista; Marco Belluardo, commercialista, indicati dal Movimento per l'Autonomia. Mario Coppa, commercialista, indicato dall'Udc. Luigi Arcidiacono, docente universitario, tecnico. Il Sindaco Stancanelli ha reso noto che il Mpa aveva indicato anche l'avvocato Gaetano Tafuri che però ha rinunciato all'incarico per motivi personali e che il movimento autonomista indicherà prossimamente un altro assessore. Il primo cittadino ha inoltre detto che si riserva di assegnare le deleghe agli assessori nei prossimi giorni. da Comune di Catania Nessuna novità a quanto pare, i nomi degli assessori sono tutti dei piuttosto noti, e soprattutto sono divisi equamente (5 ciascuno) fra PDL ed MPA. Spicca però il nome di Luigi Arcidiacono, preside della facoltà di Giurisprudenza che quest'anno ha tenuto la lezione inaugurale all'apertura dell'Anno Accademico. E spicca anche l'assenza di donne. Qualche (mio) amico spera in un ritorno di Silvana Grasso, visto che ora è ufficialmente in "quota MPA", perchè nonostante i toni decisamente "inusuali" "dava l'impressione di essere vicina ai cittadini", una qualità rara nei nostri politici, soprattutto locali. Ma ovviamente è una ipotesi altamente improbabile, certe memorabili scene non le vedemo più, anche perchè la rinuncia di Tafuri (ex assessore al bilancio nel periodo della crisi finanziaria come ricorda CittàInsieme) che è stato un "uomo chiave" in questi anni di amministrazione Scapagnini richiede una alternativa dello stesso livello. Ci sono donne con un peso politico così elevato da sostituire Tafuri nell'MPA? Vi ricordo che ancora non si è insediato ufficialmente il Consigliio Comunale, e la lista dei Consiglieri non ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple