Tutti gli articoli su Etna

Luci, tramonti a sud-est

Scritto da: il 05.03.12 — 0 Commenti
La ragusana, la statale 194. Da un paio d'anni è la strada extraurbana che percorro più spesso, e con alterna efficienza mi porta fuori dalla città caotica verso zone della Sicilia più a misura d'uomo. E accadde così, per caso, che un giorno mentre tra camion incolonnati e folli kamikaze dal piede pesante cercavo di sopravvivere alla trasferta, mi sono fermato ad ammirare quello che mi stava attorno. Campi sconfinati, aranceti, paesini tranquilli: tutto alla fine del tratto "nuovo", l'autostrada che al catanese diretto sugli iblei - si presuppone ben grato al clientelismo autonomista per quest'opera la cui utilità è oggettiva -  evita il passaggio tra l'olezzo della discarica e le prime folli curve. Se la vista di solito è attirata inevitabilmente dall'ospedale di Lentini - «Ohhh, funziona?» -, dopo qualche chilometro s'è concentrata su quello che avendolo dietro non noto: l'Etna maestoso e innevato, la costa con la città immensa, e bellissima dopo una verde pianura sconfinata. Fermo su un lato della strada ho maledetto lo specchietto retrovisore e i kamikaze, perché andavo dal lato sbagliato per godermi lo spettacolo. Mi sarei rifatto al ritorno, al tramonto. La visione dell'Etna sta in cima all'attenzione, guarda caso, e lo sguardo spazia da Adrano fino ai vari Aci, con il sole che piano piano va via lasciando spazio alle luci della città, e la cima del vulcano sempre bianca, per altri lunghi minuti. Bello immaginare le persone a casa, impegnate nelle loro attività, e tu che dall'alto le domini. In questa immensità si annegava il pensier mio quando il dolce naufragar mi ha condotto nelle pericolose acque della ragione. Migliaia di luci ovunque si volgesse lo sguardo, gardavo una distesa infinita e una potenziale ricerca infinita di luoghi già visti da vicino, cercando di associarne la forma a una carta geografica per interminabili minuti. Un ...

Non è Zorro ma solo Don Diego

Scritto da: il 05.08.11 — 0 Commenti
Piazza Don Diego, a Pedara, mi piace. Ho montato un video con musica fighetta (parte della colonna sonora del film "Il magico favoloso mondo di Amelie") per farvi vedere la piazza centrale del paesino sull'Etna, davvero un gioiello. Le immagini "ballano", ma non è una scelta stilistica, è solo imperizia tecnica. Sperando che youtube non rimuova il video, eccolo di seguito. [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=PtuyjpXU8rY[/youtube] La bella piazza del paese etneo è dedicata a Don Diego Pappalardo, sacerdote e benefattore pedarese, nato 1636 morto 1710. Per saperne di più, c'è la pagina dedicata a Pedara su wikipedia.

Canciari Nenti, la nuova canzone degli Strummula

Scritto da: il 02.08.09 — 0 Commenti
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=TqH4wmEvzXw[/youtube] Ecco il video di "Canciari Nenti"  l'ultimo lavoro discografico targato Strummula, eccezionale band catanese. Il video è dedicato a tutto quello che succede e che può cambiare nel nostro Paese. Buon ascolto e buona visione :-)

Pedara a jewel on Mt. Etna

Scritto da: il 28.06.09 — 1 Commento
Oggi vi propongo un video su Pedara, gioiello dell'Etna, dove la natura è fantastica e l'uomo generoso: guardate le tonnellate di rifiuti nel video! L'autore è un bambino di 8 anni, giovane abitante di Pedara, e si chiama Alexander Brown. La Sicilia, bellezza nel cuore. Versione Inglese [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=i1MFJBybHA0[/youtube] Life in a little Sicilian town as viewed by a young (8 years old) inhabitant. Versione Italiana [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=chRLBo040D0[/youtube] La vita in un piccolo paese dell'Etna attraverso gli occhi di un suo giovane (8 anni) abitante.

Le foto dell’Etna di Thomas Reichart

Scritto da: il 02.12.08 — 0 Commenti
Thomas Reichart è il giovane fotografo tedesco di cui tanto si parla oggi in tv e sui giornali, anche online. Se ne parla tanto perché la sua passione per le foto naturalistiche, per i paesaggi unici del nostro amato vulcano lo ha portato alla morte. 2700 metri d'altezza, tanta esperienza, ma non è bastata per evitare il peggio. Vi invito a guardare le sue belle foto nell'account Flickr Album di Thomas Reichart

I messaggi in ricordo di Orazio Di Grazia e il video “Il Vecchio e la Bici”

Scritto da: il 17.11.08 — 0 Commenti
Orazio Di Grazia il "vecchietto con la bici", era un mito catanese. Lo testimoniano anche i commenti che avete lasciato sul precedente post, veramente toccanti, e che ripropongo qui in modo da farli leggere a tutti. Angela Orazio,un uomo umile venuto alla ribalta in tarda età.Non tutti sanno che da giovane era un uomo bellissimo era finanziere a Bolzano e suonava la fisarmonica. Si congeda dalla finanza, per tornare nella sua amata terra,compra un appezzamento a Caltagirone che coltivava da solo e trasforma la sua amata bici in furgoncino dove caricava i suoi ortaggi e li portava a Catania per venderli. Ogni anno d’estate 15 giorni li dedicava ai suoi amici e poi figli e anche nipoti che nel corso degli anni ha visto crescere a Bolzano.Anche Moser si ricorderà di lui, andava a trovarlo tutti gli anni e comprava i ricambi.La sua vita l’ha vissuta sulla bici,mi ricordo (ero bambina)mi ha portato insieme alla nonna e zio Cocetto da Catania a Nicolosi lui a piedi trainando me che stavo sul pedale, per la vendemmia.E le scorribande sulla furgonbici quando ci veniva a trovare.Addio mio amatissimo zio.Mi dispiace di non averti dato un ultimo saluto ti voglio bene! PESARO 16/11/08 Lorenzo una sera di tregenda (saranno circa 16 anni fa), mentre rincasavo con i miei figli in macchina, lo scorgemmo da lontano curvo sulla sua bicicletta. Pioveva e c’era una discreta nebbia nella zona dopo il “portichetto”. A circa 50 metri da lui, lo vedemmo crollare sotto la bicicletta ed il suo carico.Non poteva rialzarsi, aveva la bici addosso. Mi fermai e mio figlio Andrea scese dalla vettura e lo rialzò insieme alla sua bicicletta.Ringraziò e…proseguì la sua fatica. Lo vedevo spesso, sino a pochi mesi fa. Salvo ti ho visto sempre passare,in via pietro novelli, un giorno ti chiesi se volevi 1 mano,e tu mi dicesti ...

Orazio Di Grazia aveva 85 anni ed era un mito catanese

Scritto da: il 06.11.08 — 10 Commenti
Orazio Di Grazia, vero mito catanese, è morto a 85 anni. La notizia è stata ripresa da tutti i giornali nazionali. Posto un titolo esemplificativo: Ogni giorno pedalava da Nicolosi a Catania nessuno sapeva perché: morto il vecchietto in bici [youtube hW9bTEghgwo] Il titolo sopra viene da "Il Messaggero", e tutti noi almeno una volta lo abbiamo visto andare tranquillo e sereno sulla sua bici. Ogni tanto qualcuno si fermava a chiedergli se aveva bisogno di un passaggio, ma lui ha semrpe rifiutato.  Avrei giurato che avrebbe fatto quella salita per sempre, ma tutto cambia, anche l'Etna, e la vita . Per questo vorrei che il ricordo di questo che per molti è un vero personaggio romantico vi arrivi da chi ne continua la passione, i ragazzi della Critical Mass Catania, ricopiando un post scritto da Alessio, magari troverete la risposta alla curiosa domanda del Messaggero: perché pedalava ogni giorno? Per loro che amano la bici sono pronto a scommettere che la domanda non è sensata. La bici sotto il vulcano: Orazio di Grazia Oggi vi racconto di un vecchietto molto famoso nella provincia di Catania un simbolo indiscusso del legame uomo e bicicletta, quest' anziano signore ottantacinquenne si chiama Orazio di Grazia ed ogni tardo pomeriggio percorre la tratta Catania Ognina- Nicolosi (700 metri di dislivello per oltre 16 km di lunghezza in salita) a piedi portando con se un carico (soprattutto alimenti) sopra la sua bicicletta. Io lo vedo da quand'ero piccolo passando in auto con la famiglia da via Gramisci per andare a Mascalucia, non ho mai saputo la storia di questo signore ma finalmente qualcuno, Alessandro Marinaro, ha pensato di fare un bel documentario su questa leggenda vivente che ogni giorno, anche con la pioggia, percorre 4-5 ore di salita in compagnia della sua bicicletta per tornare nel suo umile rudere. Il ...

Matsuri di Fuoco – Tom Perry l’alpinista scalzo

Scritto da: il 14.06.08 — 0 Commenti
  Stasera alle 21 presso la libreria Tertulia di Catania verrà presentato il film Matsuri di Fuoco [youtube QomqYDxrniM] da www.tomperry.it Tom in Sicilia con la Fondazione Angelo D'Arrigo Dal 13 al 20 giugno, il nostro Tom sarà in Sicilia per una serie di iniziative promosse in collaborazione con la Fondazione Angelo D'Arrigo. Tra queste, sabato 14 giugno alle ore 21, sarà presentato presso la Libreria Tertulia di CATANIA il film in prima visione "Matsuri di Fuoco", che racconta l'avventura fra ETNA e FUJIYAMA, in ricordo del grande deltaplanista scomparso due anni fa. Durante la settimana siciliana, saranno numerosi gli impegni che vedranno grande protagonista il nostro Tom, sempre molto seguito ed amato dai siciliani. La massima di Tom Perry : SFIDARE SE STESSI OLTRE I LIMITI NON CREA ESALTAZIONE MA COSCIENZA DELLA FRAGILITA' UMANA

I Coldplay a Catania

Scritto da: il 19.05.08 — 3 Commenti
[youtube IakDItZ7f7Q] No, niente concerto, ma come conferma il blog Catanesi si nasce, i Coldplay sono stati a Catania per girare il video di Violet Hill. Se ne parlava già da tempo, ma averne la certezza vedendo le straordinarie immagini dell'Etna è tutt'altra cosa. Un pò Pasolini e un pò Pink Floyd, i Coldplay si arrampicano sulle pendici del vulcano come i personaggi del grande regista italiano (che sull'Etna ha girato Il Vangelo secondo Matteo, Teorema, Porcile, I Racconti di Canterbury), mentre quando suonano nel cortile del bellissimo Palazzo Biscari ricordando un pò i Pink Floyd in alcune scene di Live at Pompei. Data la location molto suggestiva, alcuni effetti da "pellicola 8mm" e la canzone veramanete splendida, questo video è obbligatoriamente da imparare a memoria, frame per frame, da ogni catanese appassionato di musica. Dopo questa bella dimostrazione di affetto per la Sicilia, ai Coldplay verrebbe de chiedere: a quando un concerto a Catania?
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple