Tutti gli articoli su effetti

Catania, Menz’a strada – reportage di Carmen Valisano

Scritto da: il 08.03.10 — 0 Commenti
L'ho preannunciato qualche tempo fa, e oggi vi propongo la prima parte delle 11 che compongono ELEVEN catania. Si tratta di un estratto (con video) del reportage sulla situazione dei senzatetto a Catania, scritta da Carmen Valisano: si chiama On the road – Menz’a strada Senza tetto di casa nostra [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=AFQFGXepFds[/youtube] A Catania non esiste un censimento ufficiale dei senzatetto. Ma per conoscere il volto degli “invisibili” basta ascoltare i racconti dei volontari che, giorno dopo giorno, notte dopo notte, assistono i meno fortunati assicurando loro cibo, medicine, calore umano. A casa di Pina Pina ha un’età indefinibile. Potrebbe avere cinquanta, o forse sessant’anni. Vive da quando era una ragazzina dentro la Stazione centrale di Catania. Il suo piccolo giaciglio fatto di cartoni, stoffa e plastica, rimediati chissà dove, lo lascia solo per qualche tempo, ogni tanto; poi torna sempre lì. Si accende una sigaretta e cammina incerta, trascinandosi dietro un paio di buste mentre cerca continuamente con la mano il muro per reggersi. Indossa un maglione con i colori delle Ferrovie dello Stato, ma le maniche sono ben rimboccate per non impacciarle ulteriormente i movimenti. «Nessuno sa perché abbia scelto proprio la Stazione centrale come casa, non parla molto» afferma incerta una dipendente della Trenitalia. «Magari le piace la vista sul mare». Nessuno sembra conoscere bene la sua storia. A dire il vero nemmeno il suo nome – Pina – è sicuro. Lei è una dei milioni di volti anonimi, le storie che nessuno conosce. Una senzatetto. Il vuoto che circonda i clochard, per certi aspetti, smette di avere un valore metaforico e prende sembianze fisiche. A Catania non esiste un censimento ufficiale, nessuna anagrafe che fotografi il territorio nazionale e i suoi abitanti senza fissa dimora. L’Istat non ha ...

Amianto e smaltimento a Catania

Scritto da: il 25.02.09 — 0 Commenti
Il  Comune di Catania, Ausl 3, Confindustria e la Confartigianato hanno prorogato fino al 31 luglio il protocollo di intesa con gli operatori autorizzati allo smaltimento dell'amianto in città. Secondo una nota del Comune del 20 febbraio,  "da quando esiste questo protocollo di intesa (1 febbraio 2007) "sono stati effettuati 342 interventi di rimozione e bonifica , pari a 650 tonnellate circa di manufatti contenete amianto, principalmente sotto forma di cassoni  per la riserva idrica e di lastre di copertura. I rifiuti sono stati depositati in centri di stoccaggio siciliani e i siti sono stati bonificati.". La notizia qual'é? Ci sono ancora centinaia (migliaia?) di abitazioni con amianto da smaltire, e rivolgendosi alle 11 ditte elencate nel protocollo si può risparmiare per effettuare una operazione fondamentale per la salute di tutti... Ulteriori informazioni sono disponibili in questa pagina sul sito del Comune. Per capire la gravità del problema amianto a Catania, e la sua diffusione, vi consiglio di leggere un bell'articolo di Rosa Maria di Natale apparso sul Giornale di Sicilia del 30 novembre 2008, a questo indirizzo -> San Giorgio, quattro passi tra l'amianto Vi segnalo inoltre quest'altro articolo di Rosa Maria di Natale, sempre leggibile su Step1 -> La pericolosità dipende da tanti fattori Ma qual'è la legislazione che disciplina lo smaltimento dei rifiuti? Questo link sembra fornire un quadro piuttosto completo -> Legislazione amianto Vi lascio con un documentario in inglese sugli effetti dell'amianto "Asbestos the silent kliller" [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=BrlN373X40o[/youtube]
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple