Tutti gli articoli su dissesto

Report – Sigfrido Ranucci intervistato da Step1

Scritto da: il 02.04.09 — 0 Commenti
A tempo di record, la redazione di Step1 ha oggi pomeriggio intervistato Sigrfido Ranucci, autore dell'inchiesta "I Vicerè" su Catania andata in onda nella trasmissione Report di Rai3 il 15 marzo scorso. Step1 ha già messo l'intervista audio online, la trovate cliccando su questo link. Segue l'abstract... Ai microfoni di Step1 l’autore dell’inchiesta “I viceré”, andata in onda nell’ambito del programma di Milena Gabanelli. Un’occasione per parlare dei contenuti della trasmissione, ma anche delle tecniche con cui si realizza una videoinchiesta

Il giorno che crollò il Liotru…

Scritto da: il 01.04.09 — 2 Commenti
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=r9m_1ca8tbM[/youtube] Carino come Pesce d'aprile! Il dissesto del Liotru...

Nasce Argo, cento occhi fidati su Catania

Scritto da: il 15.12.08 — 2 Commenti
Finalmente al debutto un progetto di informazione a Catania che era "in cantiere" ormai da inizio anno: si chiama ARGO, come il cane di Ulisse, e a me personalmente questo progetto ispira molta fiducia: il nucleo fondatore di questo progetto è composto da seri attivisti catanesi, gente con grande cuore che per la nostra città ha fatto tanto e in silenzio per anni. Sono MariaGrazia Sapienza, Giulio Bilotta, Nino De Cristoforo, Sergio Fisicaro, Nino Indelicato. Alla maggior parte di voi questi nomi non diranno nulla, ma c'è un sito intero per imparare a conoscerli. LINK EDITORIALE Un ennesimo sito web che ha la pretesa di fare informazione alternativa? Non proprio. Un ulteriore, generoso e titanico tentativo di mettere assieme il variopinto e variegato mondo di un’ “altra Catania”, vera o presunta che sia? Meno che mai. La situazione di degrado in cui Catania è precipitata da molti anni, senza che si intraveda una inversione di tendenza, rischia di generare in noi tutti un atteggiamento di stanchezza e di rassegnazione. I problemi relativi al lavoro (precarietà, licenziamenti, mancanza di prospettive per i giovani), i disservizi delle strutture pubbliche, l’invivibilità del territorio, stanno inducendo molti a cercare la risposta in rapporti di tipo clientelare, che rafforzano chi già gestisce il potere e lo usa nel proprio interesse e non in quello della collettività. Le ragioni di questo crescente degrado rimangono, d’altra parte, oscure, anche a causa della situazione bloccata dell’informazione, da tempo ormai nelle mani di un unico gestore che detiene la proprietà di tutti i media locali (giornale, radio, televisioni) e protegge contestualmente i propri interessi di imprenditore. Ci sono, tuttavia, dei motivi di speranza perché sappiamo che esistono persone e gruppi che operano sul territorio per realizzare una maggiore giustizia sociale, per difendere i diritti dei più deboli, per creare originali occasioni culturali e anche per cercare di ...

Stancanelli vs Licandro ecco i video

Scritto da: il 21.11.08 — 3 Commenti
... perché a Catania c'è il 5, il 10, il 20, il 30% di mafiosi che votano PDL. Ma l'altro 50% è fatto da persone perbene! ASPETTATEMI AL VARCO, INSEGUITEMI! VOI VOLETE CATANIA RIDOTTA COSI' PER CONTINUARE A LAMENTARVI! Quelle sopra sono le ormai celebri frasi rivolte dal sindaco Stancanelli alla folla di persone accorsa nella sede di Cittàinsieme due settimana fa per assistere al dibattito sul dissesto, incontro che lo vedeva discutere "contro" (ma fino a un certo punto) l'ex parlamentare Orazio Licandro. Finalmente ecco i video online, buona visione! [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=kWFxTt69tYs[/youtube] Di seguito i link a tutte le parti del video. - Parte 1 - Parte 2 - Parte 3 - Parte 4 - Parte 5 - Parte 6 - Parte 7 - Parte 8 - Parte 9 - Parte 10 - Parte 11 - Parte 12 - Parte 13 PS: la testa con pochi capelli in primo piano appartiene a me, il vostro blogger preferito, e non sta li per caso (ero intento a manovrare un'altra videocameta per trasmettere in streaming)

Incontro sul Dissesto LIVE STREAMING interattivo – Stancanelli vs Licandro

Scritto da: il 07.11.08 — 2 Commenti
Come annunciato ieri, dal player in basso a partire dalle ore 20 potrete seguire la diretta dell'incontro sul Dissesto di Cittàinsieme, con ospite il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli. Lasciate i vostri commenti sulla chat, gireremo le domande di chi ne farà richiesta agli ospiti il sindaco Stancanelli e il prof. Licandro. LA DIRETTA inizierà alle ore 20.15 [HTML1]

Dissesto finanziario – parliamone con il sindaco

Scritto da: il 06.11.08 — 4 Commenti
Una strana coppia, il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli e l'ex parlamentare Orazio Licandro, sarà ospite domani sera 7 novembre alle 20.15 di Cittàinsieme per parlare del dissesto finanziario. Il sindaco Stancanelli sostiene che  il dissesto è estremamente negativo ed è possibile evitarlo, mentre il prof. Licandro sostiene che il dissesto è in realtà l'opportunità migliore di risanamento. Domani sentiremo le loro ragioni. Io mi occuperò della diretta live in streaming, che potrete seguire sul canale Mogulus di Cittàinsieme, e che potete embeddare sul vostro sito internet, così come questo blog farà domani sera. Ecco la presentazione dell'evento. Dichiarare il dissesto finanziario serve al risanamento della città? Chi ci guadagna e chi ci perde nel dichiarare il dissesto? A queste domande e a tante altre cercheremo di dare una risposta venerdì 7 novembre alle ore 20.15 presso la sede di CittàInsieme in Via Siena, 1 con il Sen. Raffaele Stancanelli, Sindaco di Catania, e il Prof. Orazio Licandro, dirigente nazionale del Pdci. CittàInsieme trasmetterà l'incontro in diretta via internet, dal sito www.cittainsieme.it e da qualsiasi altro sito che copierà il codice html per il player Se qualcosa andrà storto nella diretta, saprete con chi lamentarvi :-) PS: da sottolineare che in ben 7 anni di sindacatura Scapagnini ha rifiutato gli inviti dell'associazione Cittàinsieme. Stancanelli ci sarà, e questo mi sembra un segnale molto positivo. Che ne pensate?

Parallelismi Catania Napoli – Centri Commerciali

Scritto da: il 20.10.08 — 5 Commenti
[youtube Fq9Z6shvgO8] Il paragone è fin tropo semplice fra Catania e Napoli. Ci sono migliaia di punti di contatto fra le due città, a partire dal vulcano e finendo per i faraglioni, passando per le feste religiose, i "tipi umani", la situazione delle periferie, l'economia in mano alla Mafia/Camorra, i cantanti neomelodici,  e anche l'ex sindaco di Catania... I punti di contatto principali però mi sembra che siano quattro. 1) Catania è in una grave situazione economica e siamo sempre in bilico sul dichiarare il dissesto. Napoli in dissesto c'è stata dal 1993 al 2006, per ben 13 anni. Stiamo per seguire l'esempio. 2) Rifiuti: Napoli e spazzatura è purtroppo un binomio quasi proverbiale. Catania sta seguendo le orme: il problema dei rifiuti lo abbiamo "sentito" molto in città, ma in questi giorni ne fanno le spese i comuni pedemontani del versante ovest: Bronte, Adrano, Biancavilla sono sommersi dalla spazzatura. 3) Per fortuna c'è anche qualcosa di positivo: le squadre di calcio di Catania e Napoli sono a pari punti in classifica in serie A, al secondo posto. E le tifoserie delle rispettive squadre sono fra le più "accese" (in senso positivo soprattutto) d'Italia. 4) CENTRI COMMERCIALI: Napoli è famosa anche per i prodotti contraffatti, tanto da fare "concorrenza" all'intera Cina... A Catania nasce un Centro commerciale ogni 10 chilometri. Complice anche la recente "scoperta" del Centro Commerciale cinese, vorrei proprovi un articolo scritto dai ragazzi del giornale napoletano "Monitor", che parla proprio di questo tema. Buona lettura. Hasta la Visa siempre! I Centri commerciali giganteschi, architetture megalomani, un’orgia di merci. È lo sviluppo scelto per l’asse Napoli-Caserta, ormai una distesa ininterrotta di cemento. E se i clienti a passeggio nelle piazze artificiali non comprano nulla poco importa. In questi giorni festeggia un anno di vita il Centro Commerciale Campania di Marcianise, presentato dodici mesi fa come il ...

Esposto sull’illuminazione a Librino

Scritto da: il 23.09.08 — 2 Commenti
Sul problema del'illuminazione, posto questo COMUNICATO STAMPA che riguarda un esposto presentato da alcune realtà del quartiere Librino sul problema illuminazione. Non è un intervento risolutivo, ma è comunque un buon segnale di "partecipazione" alla vita cittadina. La mancanza dell'illuminazione stradale a Librino sta rendendo la vita degli abitanti (oltre 60.000 ) difficilissima tanto più se questa situazione si protrae da circa un anno. Tutto il popolatissimo quartiere è immerso in un buio fittissimo e al calar della sera per gli abitanti scatta il coprifuoco. L'assenza delle insegne luminose dei negozi rende il buio ancora più profondo. Da mesi la Cgil ha sollevato il problema e ha chiesto alle Istituzioni un incontro senza avere nessun riscontro. Sembra incredibile la mancanza di attenzione, nonostante il gran parlare di sicurezza, per questo quartiere. Il problema è indubbiamente connesso alla crisi finanziaria del Comune che tra l'altro comporta che diversi quartieri della città siano per lunghi periodi al buio ,ma a Librino anche per la conformazione del quartiere il problema assume una gravità straordinaria. Per questi motivi gli abitanti del quartiere attraverso la CGIL, il comitato Librino attivo, la redazione della PERIFERICA, il Centro Iqbal Masih, unitamente a molti amministratori di Cooperative edilizie e condomini hanno deciso di presentare un esposto alla Magistratura per accertare le cause di questa situazione e le responsabilità di chi ha permesso da un anno a questa parte l'interruzione di un pubblico servizio indispensabile per la complessiva sicurezza dei cittadini. Si comincia da Librino ma si proseguirà anche per gli altri quartieri I firmatari dell'esposto hanno indetto un'assemblea per giovedì 25 p.v. alle ore 18 presso la sede della CGIL di Librino in via Bummacaro 16. L'esposto sarà presentato in Tribunale Mercoledì 24

Dissesto sì, dissesto no – 24 settembre Live @ Cittàinsieme

Scritto da: il 22.09.08 — 2 Commenti
Mercoledì 24 settembre alle ore 20.15 in Via Siena 1, CittàInsieme organizza un incontro sull'attuale situazione finanziaria del Comune e sugli effetti che deriverebbero se dovesse dichiararsi il dissesto finanziario. Lo scopo dell'incontro è quello di spiegare tecnicamente cosa vuol dire dichiarare il "dissesto finanziario" e se questo può portare vantaggi o svantaggi alla cittadinanza, rispetto alla situazione attuale. Interverranno il Prof. Maurizio Caserta, ordinario di Economia Politica dell'Università di Catania, e il Dott. Francesco Bruno, Ragioniere Generale del Comune di Catania, e anche della Provincia di Catania. CittàInsieme ha deciso di proseguire con l'esperienza iniziata nel giugno scorso (in occasione dell'assemblea con i candidati a Sindaco), trasmettendo in diretta via internet l'incontro, dal sito www.cittainsieme.it Colonna sonora dell'incontro sarà [youtube kgpxvjw0-Nk] Parcheggi abusivi, applausi abusivi, villette abusive, abusi sessuali abusivi; tanta voglia di ricominciare abusiva. Appalti truccati, trapianti truccati, motorini truccati che scippano donne truccate; il visagista delle dive e' truccatissimo. Papaveri e papi, la donna cannolo, una lacrima sul visto: Italia si' Italia no Italia bum, la strage impunita. Puoi dir di si' puoi dir di no, ma questa e' la vita. Prepariamoci un caffe' , non rechiamoci al caffe' : c'e' ...

Due articoli di Carlo Lo Re: Cda Sac ed “eruzioni” politiche al Comune

Scritto da: il 21.09.08 — 2 Commenti
[caption id="attachment_766" align="alignleft" width="300" caption="da Storia della Sicilia in Cento Secondi"][/caption] Ricopio due interessanti articoli di Carlo Lo Re, giornalista catanese e blogger su bloglist -> The Lo Re Report. I due articoli sono apparsi su Milano Finanza Sicilia di sabato 20 settembre 2008. Nel primo Lo Re avanza una serie di ragionamenti sull'eventualità che l'Enac possa ritirare la concessione all'aeroporto di Catania ... Nel secondo parla della crisi catanese e di come pare che il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, non sia più in assoluto accordo con il sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, con cui aveva finora un ottimo rapporto personale (per capire il livello del "rapporto" fra i due: pare fossero compagni di classe a Liceo, i Salesiani di Catania). Sac, il parcheggio non c’è -Lunedì il cda della società sarà chiamato a decidere sul caso Greco Lunedì 22 sarà finalmente il giorno dell’assemblea dei soci della Sac (Società Aeroporti Catania), che dovrà votare la decadenza di un membro del cda, Vittorio Greco, espressione della Provincia di Siracusa e non gradito al suo nuovo presidente, Nicola Bono (Pdl-An). Come è ormai noto, qualora decada un membro del consiglio nominato da un socio che di rappresentanti ne ha solo uno, l’intero cda decade. Ma questo non è un grave problema per la Sac, visto che comunque non dovrebbero esservi incertezze nel formare un nuovo cda. Ben altre sono le incognite. Ad esempio, ragionando sulla difficoltà che la società sta avendo nel creare un’area parcheggi degna di uno scalo intercontinentale, non si può non notare come la concessione quarantennale che l’Enac ha da poco rinnovato all’aeroporto catanese sia subordinata proprio al varo di parcheggi adeguati, visto come ormai per gli aeroporti questa voce sia di gran lunga quella economicamente più rilevante. Insomma, i guadagni chi gestisce scali aeroportuali li realizza con i parcheggi, non tramite il traffico ed ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple