Tutti gli articoli su difensore civico

TARSU, ecco la relazione del Difensore Civico

Scritto da: il 10.06.08 — 2 Commenti
Qualche giorno fa parlavamo delle dimissioni del Difensore Civico, e nel video che ho postato Francesco Siracusano lamentava che il suo rapporto sulla TARSU (tassa sui rifiuti solidi urbani, cioè la tassa sulla "munnizza" per capirci) non è mai stato considerato dall'amministrazione temporanea (il comune di Catania, lo ricordiamo, è amministrato da un commissario regionale da febbraio). Vi proponiamo di seguito il rapporto, è un file pdf scaricabile da questo link (grazie a Cittàinsieme Giovani che lo ha scannerizzato).

Si è dimesso il difensore civico

Scritto da: il 07.06.08 — 1 Commento
[google 6262284226940737227] Dopo essersi espresso in maniera dubbiosa sulla legittimità della decisione del commissario straordinario di firmare l'accordo di transazione per il Corso Martiri della Libertà, Francesco Siracusano, difensore civico del Comune di Catania per appena cinque mesi, si è dichiarato «stanco di essere considerato l’utile idiota». Una dichiarazione forte, che testimonia quanta frustrazione debba provare una figura sulla carta importantissima per i cittadini, ma che all'atto pratico non può incidere praticamente in nessun ambito. Nel video che potete vedere all'inizio del post, Francsco Siracusano parla del suo rapporto sulla TARSU che non ha avuto nessun riscontro da parte dell'amministrazione comunale. Nella foto seguente l'articolo che è apparso nella pagina Cronaca catanese de "La Sicilia" di giorno 5 Giugno

Corso Martiri della Libertà, “ferita aperta” di Catania

Scritto da: il 31.05.08 — 5 Commenti
Sventramento, ISTICA, San Berillo Vecchio, San Berillo Nuovo. Parole che i catanesi conoscono bene. E meglio ancora conoscono lo stato di degrado del Corso Martiri della Libertà, asse viario che esiste da ormai 50 anni, e da 50 anni è in queste condizioni. Ieri però il Commissario straordinario Vincenzo Emanuele (che svolgerà le funzioni del Sindaco in attesa del risultato dele elezioni del 15 e 16 giugno), ha firmato l’accordo di transazione tra il Comune ed i proprietari delle aree di Corso Martiri della Libertà. In quelle aree, 88.000 metri quadri abbandonati da sempre (ovvero dallo Sventramento di San Berillo degli anni '50, che a discapito delle intenzioni produsse pochi benefici e moltissimi disastri) dovrebbero sorgere uffici, centri commerciali, parcheggi, un albergo, un teatro, e a quanto si dice la nuova Questura, anche se il progetto per costruirla a Librino è già pronto da molto tempo. Dopo 50 anni quindi sembra risolversi uno dei grandi problemi di Catania. Felicitazioni! In realtà l'operazione suscita molte perplessità. L'obiezione è abbastanza semplice: possibile che il Commissario in pochi mesi abbia risolto un problema di cui il Consiglio Comunale parla da 50 anni? E proprio il Consiglio non è stato interpellato sulla questione, tanto che il Difensore civico Francesco Siracusano ha affermato che la firma "può presentare gravissimi profili di illegittimità". Possiamo inserire questa nuova scelta in un quadro generale di "fermento edilizio", che coinvolge la città a tutti i livelli, dal il direttore-proprietario de "La Sicilia" alle cooperative edilizie. Quale sarà il volto di Catania, però, non lo sappiamo mancando da 40 anni un Piano Regolatore Generale. Alcuni interessanti link: La più grande speculazione edilistica della storia l'architetto Leone su "il Dito" L'occhio di Arlecchino schizzi per il quartiere San Berillo a Catania lo studio completo della vicenda "San Berillo", autori gli urbanisti Piera Busacca e Filippo Gravagno Se ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple