Tutti gli articoli su cgil

Esposto sull’illuminazione a Librino

Scritto da: il 23.09.08 — 2 Commenti
Sul problema del'illuminazione, posto questo COMUNICATO STAMPA che riguarda un esposto presentato da alcune realtà del quartiere Librino sul problema illuminazione. Non è un intervento risolutivo, ma è comunque un buon segnale di "partecipazione" alla vita cittadina. La mancanza dell'illuminazione stradale a Librino sta rendendo la vita degli abitanti (oltre 60.000 ) difficilissima tanto più se questa situazione si protrae da circa un anno. Tutto il popolatissimo quartiere è immerso in un buio fittissimo e al calar della sera per gli abitanti scatta il coprifuoco. L'assenza delle insegne luminose dei negozi rende il buio ancora più profondo. Da mesi la Cgil ha sollevato il problema e ha chiesto alle Istituzioni un incontro senza avere nessun riscontro. Sembra incredibile la mancanza di attenzione, nonostante il gran parlare di sicurezza, per questo quartiere. Il problema è indubbiamente connesso alla crisi finanziaria del Comune che tra l'altro comporta che diversi quartieri della città siano per lunghi periodi al buio ,ma a Librino anche per la conformazione del quartiere il problema assume una gravità straordinaria. Per questi motivi gli abitanti del quartiere attraverso la CGIL, il comitato Librino attivo, la redazione della PERIFERICA, il Centro Iqbal Masih, unitamente a molti amministratori di Cooperative edilizie e condomini hanno deciso di presentare un esposto alla Magistratura per accertare le cause di questa situazione e le responsabilità di chi ha permesso da un anno a questa parte l'interruzione di un pubblico servizio indispensabile per la complessiva sicurezza dei cittadini. Si comincia da Librino ma si proseguirà anche per gli altri quartieri I firmatari dell'esposto hanno indetto un'assemblea per giovedì 25 p.v. alle ore 18 presso la sede della CGIL di Librino in via Bummacaro 16. L'esposto sarà presentato in Tribunale Mercoledì 24

Governo anti-precari? Domani facciamogli la festa

Scritto da: il 31.07.08 — 0 Commenti
venerdi 1 agosto Party on call – dj contro la precarietà Dr.Save & Salvo Dub djset - ingresso libero cortile della Camera del Lavoro di Catania Governo anti-precari? Facciamogli la festa Cgil, venerdì “Party on call – dj contro la precarietà” (presentazione dell'evento a cura degli organizzatori) Non sarà una festa qualsiasi, quella che venerdì animerà lo splendido cortile della Camera del Lavoro di Catania. Innanzitutto, per le ragioni che la ispirano: “Ai provvedimenti iniqui di un governo sistematicamente ostile nei confronti dei giovani e del Sud – spiega Massimo Malerba (Dipartimento Mercato del Lavoro Cgil Catania) rispondiamo con l’allegro clamore della festa, una danza della pioggia che, assieme alle altre iniziative messe in campo dal sindacato in questi giorni con la campagna “Liberté, Egalité Stabilizé”, può far nascere i germogli della grande mobilitazione a sostegno della stabilizzazione dei rapporti di lavoro – in vista della scadenza, il 30 settembre, degli agli incentivi offerti dalla scorsa legge finanziaria - e che culminerà nella programmazione della prima astensione generale dal lavoro di tutti i lavoratori precari della nostra provincia.” Che sono tanti, più che in ogni altra provincia italiana secondo i dati degli istituti previdenziali, di quelli statistici e di ricerca, come confermano le iscrizioni alla gestione separata dell’Inps e l’ultimo Rapporto Svimez. “Catania è la città più precaria della Sicilia – continua Malerba - che a sua volta è la terra più precaria d’Europa - pur essendo quella che gode dei maggiori trasferimenti dell’Unione Europea, stando agli interventi dell’ultimo Quadro Strategico Nazionalela-, peggio della Grecia e della Lettonia. Ma il “Party on call” sarà anche l’occasione per condividere un momento di spensieratezza fuori dall’ordine opprimente della quotidianità precaria, con la musica di un dj set d’eccezione: DrSave e Salvo Dub (in basso, foto e bio), grandi animatori delle serate catanesi e primi di una ricca ...

Morti Bianche – domani protesta sindacale a Catania

Scritto da: il 26.06.08 — 2 Commenti
Domani 27 Giugno sarà una giornata pienissima di eventi mondani culturali e di "intrattenimento" a Catania: Festa d'Estate, Blog Cena, premiazione di "Raccontare il Monastero, presentazione del documentario su San Crstoforo. Ma in questo giorno che già avevo mentalmente dedicato totalmente allo svago, ii sindacati richiamano l'attenzione su un tema serio, urgente, gravissimo e importantissimo: le morti bianche. Domani alle 10 in Viale Africa ci sarà una grande manifestazione unitaria di CGIL CISL e UIL CGIL, CISL, UIL A LOMBARDO, “SUBITO PRIME INIZIATIVE”. VENERDI’ A CATANIA LA MANIFESTAZIONE CON EPIFANI, BONANNI E ANGELETTI Palermo, 25 giugno - I segretari di Cgil Cisl e Uil siciliane, Italo Tripi, Maurizio Bernava e Claudio Barone, chiedono al presidente della Regione, Raffaele Lombardo, “una nuova convocazione in tempi stretti sui temi della sicurezza e della legalità nei luoghi di lavoro, per mettere in cantiere le prime iniziative”. All’indomani della mobilitazione nelle nove province dell’Isola e a due giorni dalla manifestazione contro le morti bianche, che si svolgera’ venerdi’ mattina a Catania (alle 10 alle “Ciminiere”, in viale Africa) con la partecipazione dei leader nazionali Epifani, Bonanni e Angeletti, i segretari di Cgil, Cisl e Uil regionali ritornano sulla necessita’ che il governo nazionale dia immediata applicazione al testo unico sulla sicurezza, attraverso i decreti attuativi. Al presidente della Regione, Tripi, Bernava e Barone ricordano invece “gli impegni presi all’indomani della strage di Mineo: la definizione del piano per l’utilizzo di parte delle risorse previste dal testo unico e lo stanziamento in piu’ di risorse regionali per interventi di prevenzione, informazione e formazione, il potenziamento degli organici degli ispettori del lavoro, l’incremento dei controlli dall’attuale 5% almeno al 30%, la verifica del ruolo delle Asl per la prevenzione”. I sindacati ritengono poi necessaria una “dura lotta al malaffare in economia perché incidenti e tragedie sono spesso l’altra ...

Librino: tra centro e periferia

Scritto da: il 19.06.08 — 0 Commenti
25 giugno 2008  ore 9.00 - convegno "Librino: tra centro e periferia" presso l'I.C. Musco di Zia Lisa L'incontro è dedicato alla presentazione dei risultati  di una ricerca sul "quartiere" Librino, voluta dalla CGIL di Catania e condotta dal CEDOC (Centro di Documentazione e studi sulle Organizzazioni Complesse e i Sistemi locali) dell'Università degli studi di Catania in collaborazione con la rete delle scuole del quartiere. Lo studio fotografa lo stato oggettivo del quartiere  attraverso dati statistici, indagando quali siano la percezione e gli atteggiamenti degli abitanti circa le principali condizioni sociali ed economiche della vita che vi si svolg, nocnhè le problematiche infrastrutturali e di servizi, sino al tema del "senso di appartenenza" e di identificazione con il quartiere. Ore 9:00 inizio lavori Presiede: Francesco Battiato - Segr. Gen. CGIL Catania Introduce: Sara Fagone - Resp. Camera Lavoro Librino Presentazione della ricerca: Renata D'Amico Direttore CEDOC, Università di Catania Intervengono: Laura Saija - Urbanistica Lab. Peat Dip. Architettura e Urbanistica Università di Catania Franco Martini - Segretario Generale Fillea Antonio Presti - Pres. Ass. Fiumara d'Arte Cristina Cascio - Dir. scol. I.C. A. Musco Franco Garufi - Resp. Naz. Dip. Mezzoggiorno CIGL Fabio Sciacca - Pres. Confindustria CT Angelo Villari - Segr. Gen. SPI CT Conclude: Italo Tripi - Segr. Gen. CGIL Sicilia Il convegno si svolgerà presso l'Auditorium dell'I. C. Angelo Musco - viale G. Da Verrazzano, 101 - Catania
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple