Tutti gli articoli su Catania

23 MAGGIO – In ricordo di Falcone, Borsellino e tutte le vittime della mafia!

Scritto da: il 14.05.10 — 1 Commento
23 MAGGIO 2010 ORE 20.00 IN PIAZZA VERGA IN RICORDO DI FALCONE, BORSELLINO E TUTTE LE VITTIME DELLA MAFIA! "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola" PAROLE, NOTE E IMMAGINI per Falcone, Borsellino e tutte le vittime di mafia. Domenica 23 Maggio ore 20.00, davanti alla scalinata del Palazzo di Giustizia in Piazza Verga, sono invitati TUTTI COLORO CHE NON VOGLIONO PERDERE IL VIZIO DELLA MEMORIA. Organizzato da CittàInsieme. Interverranno con rappresentazioni teatrali e canzoni i ragazzi di CittàInsieme, della Parrocchia S.S.P.P., dell'Istituto Tecnico per Geometri "Colajanni" di Riposto e dell'Associazione culturale gruppo "Santo Calì". Saranno presenti con striscioni e banchetti informativi numerose associazioni di impegno civile e antimafia operanti nel territorio catanese.: hanno già dato la loro adesione i ragazzi di AddioPizzo, le associazioni antiracket ASAAE e ASAEC, Federconsumatori, Forum italiano per l'acqua pubblica, Laboratorio della Politica, Libera - Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, Nike, POLIS - Laboratorio culturale socio-politico, i volontari del Centro TALITA KUM di Librino. Tutti i cittadini sono invitati, in particolare i giovani, le famiglie, gli educatori, le scuole le quali possono testimoniare la loro presenza anche portando striscioni o lavori compiuti sul tema della legalità dagli studenti nel corso dell'anno scolastico. Per i dettagli per comunicare la propria partecipazione: http://www.facebook.com/event.php?invites&eid=117804934916762 L'INIZIATIVA SARA' PRECEDUTA DA UNA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE CHE SI TERRA' VENERDI 21 MAGGIO ALLE ORE 10.30 PRESSO LA SEDE DI CITTA'INSIEME, IN VIA SIENA 1.

Assemblea pubblica sulla prevenzione sismica a Catania

Scritto da: il 30.04.10 — 0 Commenti
Lunedì 3 maggio incontro pubblico sulla prevenzione sismica “La Terra trema… e se tremasse anche a Catania” Conferenza di Roberto De Marco, già direttore del Servizio Sismico Nazionale “La Terra trema… e se tremasse a Catania?”. S’intitola così l’incontro pubblico sulla prevenzione sismica nella nostra città che si terrà lunedì 3 maggio alle 19.00 nella sede di CittàInsieme, in via Siena 1, su iniziativa del Cispa “Giovanni Campo” (Centro di iniziative e studi per la prevenzione del rischio sismico e dei rischi ambientali) e di CittàInsieme, Italia Nostra, Lipu, Wwf Catania e Comitato Porto del Sole, in vista della sessione degli Stati generali sulla prevenzione dei rischi che le sei associazioni hanno richiesto al sindaco di Catania Raffaele Stancanelli (prevista per la fine del mese di maggio). All’incontro, che precede di qualche settimana gli Stati generali, interverrà Roberto De Marco, già direttore del Servizio Sismico Nazionale, con una relazione dall’emblematico titolo “Prevedere e prevenire i terremoti… anche a Catania”. Nel corso della sua carriera, il dott. De Marco ha, infatti, maturato un’alta specializzazione nel settore della valutazione e riduzione del rischio sismico e nella connessa azione di prevenzione, acquisendo un’ampia esperienza in occasione degli eventi che hanno interessato il territorio nazionale e all’estero. La sua relazione sarà quindi incentrata sulla presentazione di dati significativi sulla vulnerabilità sismica nazionale, siciliana e catanese in particolare, e sulla conseguente necessità di operare – come già, peraltro, avviene in numerosi Paesi che presentano un indice di rischio analogo o addirittura superiore a quello della Sicilia - una particolare sintesi tra la conoscenza di un fenomeno naturale, il terremoto, e quella di un comportamento antropico, l’uso del territorio, soprattutto nei termini delle tante fragilità su di esso prodotte. L’esito di questa operazione complessa, che costituisce a tutt’oggi l’unico strumento utilizzabile a fini “predittivi” da studiosi, politici e amministratori, e che può condurre ...

Parliamo di Prevenzione Antisismica: gli Stati Generali si occupino della questione

Scritto da: il 01.04.10 — 0 Commenti
“Una sessione degli Stati Generali di Catania sul rischio sismico” Richiesta al sindaco Stancanelli da sei associazioni catanesi, in previsione del nuovo Prg: un piano decennale per garantire la sicurezza dei cittadini e del patrimonio, il rilancio dell’edilizia e dell’economia, aggiornamento tecnologico e professionale delle imprese Il Cispa “Giovanni Campo” (Centro di iniziative e studi per la prevenzione del rischio sismico e dei rischi ambientali), CittàInsieme, Italia Nostra, Lipu, Wwf Catania e il Comitato Porto del Sole, hanno chiesto in questi giorni al sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, di dare vita ad una sessione degli Stati generali incentrata sulla prevenzione dai rischi e, in particolare, dal rischio sismico, nel quadro dell’iter per il nuovo Piano regolatore generale della città e delle iniziative per la ripresa dell’economia catanese. “Dopo un periodo di grande fervore di studi e iniziative – si legge nella richiesta delle associazioni -, che ha condotto ai Progetti “Catania I” e “Catania II”, alla realizzazione degli studi sulla vulnerabilità degli edifici pubblici e al censimento della vulnerabilità di tutti gli edifici privati, in questi ultimi anni la tematica della prevenzione dal rischio sismico, cui la città di Catania è particolarmente soggetta, è rimasta nell’ombra”. “Le risorse appositamente stanziate (legge 433/91, rimodulate dalla legge 228/97) – osservano i sottoscrittori -, invece di essere impiegate per avviare finalmente un’attività di prevenzione, in primo luogo per gli edifici strategici e le scuole, sono state utilizzate per interventi di ‘secondo livello’ quali i parcheggi scambiatori, la realizzazione dei viali De Gasperi e Lainò, l’ammodernamento della circonvallazione. Anche se, a nostro avviso, si è sprecata una grande occasione, siamo convinti che non bisogna rassegnarsi ma occorre ribadire l’urgenza di avviare una ‘manutenzione straordinaria’ e continua della nostra città e del nostro territorio, per difenderli dalle ingiurie del tempo e dai rischi naturali”. Per le associazioni promotrici occorre, perciò, ...

Documenti sulle “7 Sorelle” del Comune di Catania alias “SOCIETA’ PARTECIPATE”Documenti sulle “7 Sorelle” del Comune di Catania alias “SOCIETA’ PARTECIPATE”

Scritto da: il 23.03.10 — 0 Commenti
Pubblicati i primi documenti dell'Assemblea di ieri dedicata all'ineficienza ed alla situazione debitoria dell'AMT e delle Società Partecipate del Comune di Catania: - Prospetto sintetico sulla situazione delle Partecipate - Relazione sulla Sidra - Relazione sulla Sostare Al più presto verranno pubblicati la relazione sull'AMT e i video dell'incontro.

Metti una mattina a Catania, dopo Sant’Agata…

Scritto da: il 12.02.10 — 0 Commenti
Un semplice cittadino prova sempre un grande rammarico quando s’imbatte in comportamenti non certo fondati sul rispetto delle regole a maggior ragione quando entrano in gioco le norme in materia di organizzazione della tutela e della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. È bastata una spontanea passeggiata in centro, la mattina del 6 febbraio scorso, per rilevare come un servizio che, secondo il pensiero del nostro sindaco avrebbe dovuto “evitare disagi ai nostri concittadini”, si è in definitiva trasformato in un vero e proprio “festival del pressappochismo”. Il servizio in questione, affidato alle cosiddette squadre anticera, fa riferimento all’annosa rimozione della cera sul percorso del fercolo di Sant’Agata. Osservando lo svolgimento dei lavori sono venute a galla parecchie “imprecisioni”. Alcune per assurdo, vengono poste in risalto addirittura dal sito del nostro Comune. A questo proposito viene in mente una foto che mette in evidenza il lavoro certosino degli addetti della “Nettezza Urbana” clamorosamente sprovvisti dei più semplici dispositivi di protezione individuale, ovvero scarpe antinfortunistiche (e non “da ginnastica” come si evince dall’immagine), guanti e maschere protettivi. Si è ben lontani, insomma, da un’organizzazione dei lavori improntata sull’eliminazione o quantomeno sulla riduzione al minimo dei rischi gravanti sul lavoratore. In secondo luogo le traiettorie confuse dei mezzi meccanici unitamente al matto saltabeccare degli addetti ai lavori hanno fornito un dato preoccupante in termini di coordinamento delle operazioni da svolgere. Ci si chiede in questi casi se, oltre al puntuale e celebrativo comunicato stampa emanato a ridosso della festività, fosse stato redatto anche un documento atto a descrivere puntualmente i tempi e le modalità d’intervento da ottemperare. L’atteggiamento composto e per nulla stupito mostrato dall’Assessore all’Ecologia Domenico Mignemi, presente sul “posto”, farebbe propendere per un irriverente “forse” o magari per un preoccupante “no”. Infine, come non pensare poi a quella sconsiderata “libera circolazione di mezzi ...

Voltagabbana: l’arte di arrangiarsi /AGGIORNAMENTI

Scritto da: il 06.02.10 — 0 Commenti
Elenco aggiornato dei "voltagabbana" dell'attuale Consiglio Comunale di Catania: - Castelli Vincenzo --> eletto con la lista "Con Nello Musumeci per Catania" passa all'UDC  (fonte: La Sicilia del 21 agosto 2008, pag. 35) - Sciuto Antonino detto "Nino" --> eletto con la lista "Con Nello Musumeci per Catania" passa all'UDC  (fonte: La Sicilia del 23 agosto 2008, pag. 33) - Castelli Vincenzo --> eletto con la lista di Nello Musumeci e passato poi all'UDC, passa adesso al PDL (fonte: La Sicilia del 4 giugno 2009, pag. 30) - Carmelo Nicotra --> eletto con la lista PD passa all'MPA (fonte: La Sicilia del 5 febbraio 2010, pag. 35)

Marmellata di videogame a Catania: arriva Global Game Jam

Scritto da: il 28.01.10 — 0 Commenti
Se giocare è umano, creare videogiochi è arte? Dato lo slogan "Ludere humanum est!" che accompagna il capitolo catanese della Global Game Jam, il passo successivo sembra questo: ci si riunisce per creare l'ottava arte (o siamo già alla nona? ) ovvero IL VIDEOGIOCO. Unione di disparate competenze, dal grafico al designer, dallo scrittore al musicista passando naturalmente per il programmatore, il videogioco è però un'arte collettiva. Sembra quasi una comune anni '70 detta così, ma la Global Game Jam lo è davvero una vera e propria Jam Session di appassionati videoludici, in puro spirito Indie. Si riuniranno per 48 ore in uno stanzone a ingegneria (alla Cittadella di Catania) in 50 circa per poi creare in piccoli team un nuovo prodotto videoludico! Ne volete sapere di più? Al più presto aggiornamenti, nel frattempo collegatevi al sito www.e-ludo.it e leggetevi il dettagliato comunicato stampa. (dopo il "salto") capitolo Catania, dal 29 al 31 Gennaio 2010 Aula D22, nuovi edifici Ingegneria, Facoltà di Ingegneria, Cittadella Universitaria, Catania Quarantotto i partecipanti ufficiali alla Jam di Catania. Professionisti, studenti e appassionati di età compresa tra i 18 e i 35 anni, tutti provenienti da Sicilia e Calabria Obiettivo comune: realizzare un videogame in sole 48 ore E’ iniziato il conto alla rovescia per la Global Game Jam: Speciale Catania che si terrà dal 29 al 31 gennaio (Aula D22, nuovi edifici Ingegneria, Facoltà di Ingegneria, Cittadella Universitaria) e che vedrà migliaia di sviluppatori in tutto il mondo impegnati verso un obiettivo comune: realizzare un videogame in sole 48 ore. In occasione della seconda edizione la Global Game Jam approda in Italia con due diverse sedi accreditate. Saranno E-Ludo ed ELIOS Lab a ospitare l’evento rispettivamente a Roma e Genova, mentre a Catania la Facoltà di Ingegneria apre le sue porte agli sviluppatori grazie all’incessante ...

Mondiali di scherma a Catania 2011 – un video “ispirato”

Scritto da: il 30.12.09 — 0 Commenti
Catania ospieterà i mondiali di scherma nel 2011: l'annuncio, dato al congresso internazionale della Federazione mondiale della scherma poco più di un mese fa, è ora seguito da un video promozionale realizzato dal gruppo Sitcom (di Roma). [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=yDMd7V07DKI[/youtube] Il bel video promozionale esalta la "sicilianità" dell'evento, ma soprattutto parla dello sport come rituale sacro, nella ripetizione dei gesti, una routine che si ripete ogni giorno, fin dagli spogliatoi. Un tipo di video che abbiamo però già visto ultimamente, negli spot su articoli o eventi sportivi: in particolare lo spot di "Catania 2011" mi ricorda molto quello del 6 Nazioni di Rugby andato in onda per un breve periodo su la7. Ve lo ripropongo: [HTML1] Ok, a sua volta lo spot del 6 nazioni vi ricorda qualcos'altro? Ecco "l'ispiratore originale": [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ej8-Rqo-VT4[/youtube] La sigla di apertura della serie televisiva Dexter, che si chiama guarda caso "Morning routine". Dalla Florida alla Sicilia, da Dexter ai Mondiali di scherma: un quasi gemellaggio video sancito dalle lame.

Lettera aperta all’Assessore all’Ecologia e Ambiente

Scritto da: il 27.12.09 — 0 Commenti
Egregio Dottor Domenico Mignemi Assessore all’Ecologia ed all’Ambiente del Comune di Catania Con la presente lettera aperta le associazioni “Legambiente Catania, Greenpeace Catania, WWF Catania, Mani Tese Sicilia, CittàInsieme Catania, CittaInsieme-Giovani Catania, Rifiuti Zero Catania e CGIL Catania,” vorrebbero sottoporre alla Vostra cortese attenzione le seguenti problematiche e vorrebbero rendersi disponibili a fornirLe la totale collaborazione da parte anche attraverso dei tavoli tecnici: • Estensione a tutta la città di Catania della Raccolta differenziata puntuale del tipo “Porta a Porta”, con l’integrazione delle componenti dell’umido e del non riciclabile e con la contestuale e totale rimozione dei cassonetti stradali di conferimento dei rifiuti; • Realizzazione in tempi brevi di tutte le opere già autorizzate dal “Piano dei rifiuti siciliano” del 2002 al servizio della raccolta differenziata (completamento isole ecologiche, realizzazione dell’impianto di selezione e recupero di materia della frazione secca dei rifiuti, realizzazione dell’impianto per il compostaggio della frazione organica magari con i digestori anaerobici); • Realizzazione dei centri di raccolta e recupero degli ingombranti, i dei beni durevoli e dei RAEE; • Offrire la comunicazione necessaria e gli opportuni incentivi, in funzione della quantità e della qualità dei rifiuti conferiti, agli utenti della raccolta differenziata puntuale (Porta a Porta); • Avviare efficaci azioni per la repressione del fenomeno dell’abbandono incontrollato di rifiuti; • Bonificare tempestivamente le numerose micro discariche presenti sul territorio comunale, con le indispensabili precauzioni nei casi di presenza di rifiuti pericolosi; • Predisporre un numero adeguato di centri per la raccolta di rifiuti inerti e scarti edilizi; • Mettere in campo gli incentivi necessari per il conferimento dei rifiuti pericolosi (amianto, etc.) presso i centri di raccolta autorizzati e quindi impedirne la dispersione nel territorio con i danni che ne conseguono; • Rendere efficienti gli impianti di depurazione cittadini e valorizzare i fanghi conferendoli presso impianti di digestione anaerobica. Con la presente Le vorremmo rappresentare la possibilità di poter riorganizzare il servizio di raccolta e smaltimento ...

Se questo è un topo

Scritto da: il 07.12.09 — 0 Commenti
Librino da qualche mese è invasa dai ratti, come quello nella foto. La colpa di questa invasione? Non ho spiegazioni scientifiche per il fenomeno, e  non sembrano essere così cambiate le abitudini alimentari e igieniche dei librinesi, quindi l'unica spiegazione che mi so dare sono le cosiddette "isole ecologiche", delle cancellate enormi dentro le quali sono stati inseriti i cassonetti. La spazzatura si deposita sotto le ringhiere, che sono in prossimità delle aiuole, la cui manutenzione è un evento storico (non più di tre o quattro volte l'anno vengono ripulite): ecco che le "isole ecologiche" si sono trasformate in riserve protette per toponi. A vederlo passeggiare tranquillo tra i rifiuti sembrerebbe un gatto per quanto è grosso. Forse si tratta di opossum?
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple