Tutti gli articoli su assemblea

I Consiglieri comunali catanesi si “premiano”: più presenze per tutti!

Scritto da: il 09.07.09 — 0 Commenti
Ricordate che il consiglio comunale lavorava poco? Beh a quanto pare, non è più così! Da quando infatti i consiglieri non ricevono più lo "stipendio" mensile ma il gettone di presenza, le attività sono diventate quasi "frenetiche". Tanto frenetiche che le commissioni composte da "solo" 9 persone non bastavano:  le 12 commissioni consiliari (su soli 48 consiglieri... ce n'è anche una su CATANIA CITTà OPERATRICE MESSAGGERA DI PACE) non bastavano, e il numero è stato portato a 11. 24 gettoni di presenza in più quindi, per accontentare tutti, anche chi durante il voto era da qualche altra parte: si è votato con il numero minimo di 24 consiglieri in aula. 50 euro a gettone, e facendo un po' i conti dodici commissioni per undici diviso 48 per 50... Ogni consigliere fa parte in media di 2,75 commissioni. Ipotizziamo che i consiglieri si riuniscano per ogni commissione solo una volta a settimana, più le sedute del consiglio (erano 7 ad aprile)... In totale sono circa 900 euro, che diventano 1400 con 2 riunioni di commissione a settimana, 2000 con tre riunioni e così via... Per il momento sappiamo che il Comune di Catania è sempre a rischio dissesto, e che rischiamo di perdere, a causa dei debiti, il patrimonio librario della Biblioteca Civica e Ursino Recupero... Segue lettera di Cittàinsieme sul tema. Catania, 9 luglio 2009 ..."O vergogna, dov'è il tuo rossore?" Con questa invocazione si chiude la riflessione riportata l'8 luglio dal giornale La Sicilia dal titolo "Le priorità della casta" che riferisce della sollecitudine (inusuale) del Consiglio Comunale nell'approvare la delibera che comporta l' «autoapprovvigionamento» dei consiglieri. Vergogna e rossore non esistono più perché non esiste più la dignità. Per arrossire ci vuole una faccia, ma quando la faccia è di marmo non può arrossire. Il denaro, purtroppo, rappresenta l'elemento attraverso il quale vengono assottigliate, ...

Il Consiglio Comunale dorme? – ecco i video…

Scritto da: il 12.03.09 — 1 Commento
Dopo averlo trasmesso in diretta, sono ora disponibili i video dell'incontro sullo stato del Consiglio comunale tenutosi a Cittàinsieme il 2 febbraio e che era intitolato molto appropriatamente "Il Consiglio comunale dorme?" visto che da quando si è insediato (agosto 2008) fino al 2 marzo si era rinunito solo 13 volte... All'incontro hanno partecipato i consiglieri comunanali D'Agata e Musumeci e l'assessore Riva. [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=imiYtQZhtdQ[/youtube] Di seguito i link alle singole parti del video dell'incontro e un'interessante presentazione sul Consiglio comunale sempre a cura di Cittàinsieme Singoli video - Parte 1 - Parte 2 - Parte 3 - Parte 4 - Parte 5 - Parte 6 - Parte 7 - Parte 8 - Parte 9 - Parte 10 - Partd 11 - Parte 12 - Parte 13 - Partd 14 - Parte 15 [HTML1]

Il Consiglio Comunale dorme? Live Streaming da Cittàinsieme

Scritto da: il 02.03.09 — 1 Commento
Come anticipato pochi giorni fa, oggi 2 marzo diretta Live streaming con Mogulus dal salone di Cittàinsieme, in via Siena 1 a Catania. Per parlare del Consiglio comunale, sono ospiti i consiglieri D'Agata e Musumeci e l'assessore per i rapporti con il Consiglio comunale Riva. LA DIRETTA E' FINITA ALLE ORE 23 SEGUE IL RESOCONTO DELL'INCONTRO Numerosa e partecipata lunedì 2 marzo l’assemblea di Cittainsieme sul Consiglio comunale. “Perché il Consiglio comunale dorme mentre Catania è allo sbando? Perché il Consiglio comunale si riunisce solo una volta al mese? Di chi è la colpa? Così recitava il volantino che annunciava l’incontro diretto da Fabio Viola, al quale hanno partecipato Saro D’Agata, consigliere comunale del PD, Nello Musumeci, consigliere comunale de La Destra-AS e Gaetano Riva, assessore ai rapporti col Consiglio comunale. Due le tesi contrapposte: da una parte l’assessore Riva secondo il quale, l’amministrazione che sta lavorando intensamente, ha già trasmesso al Consiglio comunale tutte quelle consegne che lo metterebbero in grado di funzionare, dall’altra la tesi di D’Agata e Musumeci, che hanno descritto con dovizia di particolari, un Consiglio comunale, costretto all’inerzia dalla inefficienza della Giunta e soprattutto dal sindaco per il quale, come afferma Musumeci, “il Consiglio comunale è addirittura una sorta di impaccio” Un Consiglio comunale tenuto all’oscuro di tutto (l’on. Musumeci espone una lunga lista di “non sappiamo”, costretto dalla mancanza di progettazione ad una inerzia forzata). Molti interventi da parte del pubblico hanno vivacizzato il dibattito che si è concluso con un appello da parte del Comitato Noi Decidiamo ai consiglieri presenti di prodigarsi per l’approvazione dei regolamenti che permetterebbero il funzionamento dello Statuto, rimasto per 15 anni lettera morta, e la effettiva partecipazione dei cittadini alla politica della città. Salvatore Resca, CittàInsieme Catania, 3 marzo 2009 [HTML1]

Catania allo sbando e il Consiglio Comunale dorme?

Scritto da: il 28.02.09 — 1 Commento
CATANIA è allo SBANDO E il CONSIGLIO COMUNALE DORME. PERCHE’? Il CONSIGLIO COMUNALE si riunisce SOLO UNA VOLTA AL MESE. DI CHI E’ LA COLPA? LUNEDI’ 2 MARZO ore 20.15 LO SCOPRIREMO INSIEME A: Saro D’Agata - consigliere comunale (Partito Democratico) Nello Musumeci - consigliere comunale (La Destra - AS) Gaetano Riva - assessore ai rapporti col consiglio comunale in Via Siena, 1 Catania incontro in diretta su www.cittainsieme.it Come segnalato in vari post, l'attività del Consiglio Comunale catanese è tutt'altro che "frenetica": la media è di poco più di una seduta al mese. Perché? L'associazione Cittàinsieme ha organizzato un incontro con due consiglieri di opposizione (D'Agata e Musumeci) e l'assessore comunale per il rapporto con il Consiglio (Riva) per capire cosa si fa all'interno di Palazzo degli Elefanti per superare la crisi... Il recente caso dei "furbetti del gettone di presenza" fa comunque pensare molto: se il Consiglio comunale fa poche sedute, con la nuova legge regionale (che paga i consiglieri in base alle presenze e non più con uno "stipendio fisso") le attività delle varie Commissioni consiliari sembrano aumentate... Le risposte ai (legittimi) dubbi si spera che vengano date in numero sufficiente nel corso dell'assemblea...

La Scuola Superiore di Catania a rischio chiusura

Scritto da: il 26.07.08 — 5 Commenti
La situazione della SSC, Scuola Superiore di Catania, è critica. Ad appena dieci anni dalla sua nascita, la Scuola d'eccellenza catanese rischia di non avere fondi a sufficienza per bandire il concorso per l’anno accademico 2008-2009. Ma aleggia la possibilità di una chiusura definitiva: i tagli alla spesa pubblica in materia di istruzione e ricerca annunciati con il decreto legge 112/2008 entrato in vigore proprio ieri 25 Luglio, rendono difficile il reperimento dei finanziamenti necessari e rischiano di provocarne la chiusura. Del resto il mondo universitario è in subbuglio da settimane per questa manovra estiva, i cui contenuti sono stati criticati fortemente dalla CRUI. Per discutere dei destini della SSC si terrà un'apposita assembea martedì 29. Martedì 29 Luglio alle ore 19:00 presso l’Aula Magna della Scuola Superiore di Catania, Via S. Nullo 5/i, si terrà un'Assemblea per discutere dell'emergenza alla presenza del prof. Enrico Rizzarelli, Presidente della Scuola, di tutti gli Alunni ed Ex-Alunni, dei Professori e di chiunque abbia a cuore i destini di questa importantissima istituzione univeritaria. Contro la chiusura della SSC, potete firmare la petizione, che a poche ore dalla sua creazione conta già 400 firme. Riporto infine il testo della lettera che gli Sudenti della Scuola Superiore stanno facendo circolare presso i Professori dell'Università di Catania. Le scrivo per comunicarle lo stato di precarietà in cui versa la Scuola Superiore di Catania. Quest’ultima rappresenta, insieme all’ISUFI di Lecce, l’unico esempio di Scuola di Eccellenza al Sud, fiore all’occhiello del nostro Ateneo. È un istituto di alta formazione, di perfezionamento degli studi universitari e di avvio alla ricerca, i cui risultati sono ampiamente confermati dalle numerose pubblicazioni prodotte dai suoi studenti. Gli Allievi della Scuola, oltre a seguire i corsi dell’Ateneo di Catania, frequentano dei corsi interni aggiuntivi, che concorrono ad elevare il loro livello di preparazione, e devono tenere una media ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple