Niente più bonifico – una complicazione inutile per tutte le Società Sportive catanesi…

Scritto da: il 28.02.09
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Nel precedente post ho parlato della dimostrazione “sportiva” messa su in piazza Università dai Centri Experia Gapa e Iqbal Masih, che hanno voluto dimostrare alla città come lo sport “per tutti” può essere una realtà! Purtroppo la realtà non è questa, le Società sportive che usufruiscono degli impianti comunali pagando per l’uso notano da ormai parecchi anni difficoltà enormi nella gestione degli stessi, e purtroppo c’è anche una novità “burocratica” che non farà certo piacere, perché potenzialmente può far perdere intere giornate: da domani 1 marzo il pagamento delle tariffe per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali si potrà effettuare solo attraverso bollettino postale, non più possibile il comodo bonifico. Ecco una nota a riguardo sul sito del comune

Bisogna anche dover leggere su “Lo dico a La Sicilia”, la pagina delle lettere del più diffuso quotidiano catanese, delle pessime condizioni del Campo Scuola, il centro da decenni dell’Atletica catanese, che si trova nel quartiere di Picanello, in una zona considerata “a rischio”, al pari di Librino o San Cristoforo. L’Assessore comunale allo Sport Scalia risponde con la lettera che segue:

“Ringrazio gli autori della (giusta) critica alle condizioni del campo scuola, anche perché mi permettono di fare alcuni chiarimenti sullo stato dell’intera impiantistica sportiva comunale. Quando sono stato nominato assessore allo Sport, nell’agosto 2008, ho per così dire ‘ereditato’ una delibera, adottata nel mese di maggio, dal precedente Consiglio comunale (su proposta del commissario straordinario) che imponeva il pagamento dell’utenza per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali in base a tariffe determinate dalla medesima delibera.


Purtroppo però, al contrario di quello che molti credono, non è stato previsto che gli importi versati dalle società ed associazioni sportive confluissero in un capitolo vincolato alla manutenzione degli impianti stessi (il che ci avrebbe permesso di risolvere i problemi della manutenzione ordinaria, come quelli del campo scuola). Questo ha comportato di fatto che, stante la nota e drammatica situazione finanziaria del nostro Comune, la direzione Sport e manutenzioni in questi sei mesi non ha avuto a disposizione alcuna somma per la manutenzione degli impianti, neanche per quella di scarsa entità! Per ovviare a questa situazione, stiamo lavorando con gli uffici preposti per redigere un apposito Regolamento al fine di creare un capitolo di bilancio correlato alle entrate. La verità è che la mancanza totale di fondi nei mesi scorsi avrebbe dovuto comportare la chiusura di tutte le strutture sportive comunali: tuttavia, per evitare un grosso danno all’intera utenza sportiva, la direzione Sport e Manutenzione, facente capo al mio Assessorato, ha deciso di ‘rimboccarsi le maniche’ e di far partire ugualmente la stagione sportiva. Con l’occasione desidero ringraziare dirigenti e dipendenti comunali che, dal primo all’ultimo, si sono prodigati senza risparmio per dare una parvenza di normalità a ciò che normale non era. A tal fine, vorrei anche sottolineare come le Federazioni, gli enti di promozione sportiva e tutti i soggetti fruitori degli impianti, abbiano compreso i nostri sforzi ed abbiano pienamente collaborato per superare insieme questo momento di grande difficoltà. Tornando al campo scuola di Picanello, ora che da pochi giorni possiamo finalmente contare sulle prime modeste somme messe a nostra disposizione per i più urgenti interventi di piccola manutenzione, garantisco che cercheremo al più presto di ridare dignità e un minimo di decoro agli impianti sportivi cittadini, iniziando proprio da questa struttura. Oltre a fronteggiare l’emergenza vorrei, però, mettere a conoscenza i lettori che da oltre due mesi tutti i tecnici comunali della direzione Sport e Manutenzioni, insieme a quelli della direzione Lavori Pubblici, stanno mettendo a punto più di venti progetti definitivi. Questi saranno presentati prossimamente alla Regione nell’ambito di Agenda 2007-2013, pronti ad utilizzare i fondi europei e cercare così di rimettere a posto l’intera impiantistica sportiva comunale. Inoltre, nel prossimo mese di febbraio presenteremo al Consiglio comunale una proposta di Regolamento di gestione degli impianti sportivi comunali. L’idea è quella di affidare in gestione alle Federazioni, agli enti di promozione e altre  associazioni sportive consorziate, gran parte degli impianti sportivi. Così facendo otterremo un Comune ‘leggero’, che controlli che tutti i soggetti, specie quelli socialmente deboli, possano continuare a fare sport, anche mantenendo delle tariffe sociali.  Una scelta che affida la gestione degli impianti a coloro che hanno più competenze e che possano offrire un servizio migliore ai cittadini, consentendo nel contempo un maggior risparmio al Comune.
In conclusione ribadisco agli scriventi che questa Amministrazione e l’Assessorato che rappresento sono veramente vicini allo sport e ai suoi valori più sani. A tal proposito, invitiamo tutti i cittadini fruitori degli impianti sportivi a segnalarci direttamente le maggiori disfunzioni riscontrate, sull’indirizzo di posta elettronica: assessorato.sport@comune.catania.it

Antonio Scalia
Assessore allo Sport e manutenzione impianti sportivi Comune di Catania

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple