Morti Bianche – domani protesta sindacale a Catania

Scritto da: il 26.06.08
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Domani 27 Giugno sarà una giornata pienissima di eventi mondani culturali e di “intrattenimento” a Catania: Festa d’Estate, Blog Cena, premiazione di “Raccontare il Monastero, presentazione del documentario su San Crstoforo.

Ma in questo giorno che già avevo mentalmente dedicato totalmente allo svago, ii sindacati richiamano l’attenzione su un tema serio, urgente, gravissimo e importantissimo: le morti bianche. Domani alle 10 in Viale Africa ci sarà una grande manifestazione unitaria di CGIL CISL e UIL

CGIL, CISL, UIL A LOMBARDO, “SUBITO PRIME INIZIATIVE”. VENERDI’ A CATANIA LA MANIFESTAZIONE CON EPIFANI, BONANNI E ANGELETTI

Palermo, 25 giugno – I segretari di Cgil Cisl e Uil siciliane, Italo Tripi, Maurizio Bernava e Claudio Barone, chiedono al presidente della Regione, Raffaele Lombardo, “una nuova convocazione in tempi stretti sui temi della sicurezza e della legalità nei luoghi di lavoro, per mettere in cantiere le prime iniziative”. All’indomani della mobilitazione nelle nove province dell’Isola e a due giorni dalla manifestazione contro le morti bianche, che si svolgera’ venerdi’ mattina a Catania (alle 10 alle “Ciminiere”, in viale Africa) con la partecipazione dei leader nazionali Epifani, Bonanni e Angeletti, i segretari di Cgil, Cisl e Uil regionali ritornano sulla necessita’ che il governo nazionale dia immediata applicazione al testo unico sulla sicurezza, attraverso i decreti attuativi. Al presidente della Regione, Tripi, Bernava e Barone ricordano invece “gli impegni presi all’indomani della strage di Mineo: la definizione del piano per l’utilizzo di parte delle risorse previste dal testo unico e lo stanziamento in piu’ di risorse regionali per interventi di prevenzione, informazione e formazione, il potenziamento degli organici degli ispettori del lavoro, l’incremento dei controlli dall’attuale 5% almeno al 30%, la verifica del ruolo delle Asl per la prevenzione”. I sindacati ritengono poi necessaria una “dura lotta al malaffare in economia perché incidenti e tragedie sono spesso l’altra faccia dell’illegalità”. E su sicurezza e legalità chiedono l’apertura del confronto “anche alle associazioni delle imprese”. “Non permetteremo – sostengono Tripi, Bernava e Barone – che il tema torni sotto i riflettori, alla prossima strage. Per i sindacati- aggiungono- questo tema sara’ un motivo conduttore dell’iniziativa fino al raggiungimento almeno dell’inversione di tendenza e al consolidamento di una cultura della sicurezza nel lavoro. In tal senso- concludono- lanciamo alle istituzioni e ai datori di lavoro un appello e un monito a fare altrettanto”.

CGIL Sicilia

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple