Marmellata di videogame a Catania: arriva Global Game Jam

Scritto da: il 28.01.10
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Global Game Jam CataniaSe giocare è umano, creare videogiochi è arte? Dato lo slogan “Ludere humanum est!” che accompagna il capitolo catanese della Global Game Jam, il passo successivo sembra questo: ci si riunisce per creare l’ottava arte (o siamo già alla nona? ) ovvero IL VIDEOGIOCO. Unione di disparate competenze, dal grafico al designer, dallo scrittore al musicista passando naturalmente per il programmatore, il videogioco è però un’arte collettiva. Sembra quasi una comune anni ’70 detta così, ma la Global Game Jam lo è davvero una vera e propria Jam Session di appassionati videoludici, in puro spirito Indie. Si riuniranno per 48 ore in uno stanzone a ingegneria (alla Cittadella di Catania) in 50 circa per poi creare in piccoli team un nuovo prodotto videoludico! Ne volete sapere di più? Al più presto aggiornamenti, nel frattempo collegatevi al sito www.e-ludo.it e leggetevi il dettagliato comunicato stampa. (dopo il “salto”)

capitolo Catania, dal 29 al 31 Gennaio 2010

Aula D22, nuovi edifici Ingegneria, Facoltà di Ingegneria, Cittadella Universitaria, Catania

Quarantotto i partecipanti ufficiali alla Jam di Catania. Professionisti, studenti e appassionati di età compresa tra i 18 e i 35 anni, tutti provenienti da Sicilia e Calabria

Obiettivo comune: realizzare un videogame in sole 48 ore

E’ iniziato il conto alla rovescia per la Global Game Jam: Speciale Catania che si terrà dal 29 al 31 gennaio (Aula D22, nuovi edifici Ingegneria, Facoltà di Ingegneria, Cittadella Universitaria) e che vedrà migliaia di sviluppatori in tutto il mondo impegnati verso un obiettivo comune: realizzare un videogame in sole 48 ore. In occasione della seconda edizione la Global Game Jam approda in Italia con due diverse sedi accreditate. Saranno E-Ludo ed ELIOS Lab a ospitare l’evento rispettivamente a Roma e Genova, mentre a Catania la Facoltà di Ingegneria apre le sue porte agli sviluppatori grazie all’incessante lavoro degli organizzatori di E-Ludo Interactive.

Sono infatti 50 i partecipanti ufficiali alla Jam di Catania: professionisti, studenti e appassionati di età compresa tra i 18 e i 35 anni, tutti provenienti da Sicilia e Calabria. Una cifra notevole per il sud Italia che conferma una presenza di forza lavoro importante per un’industria dalle grandi potenzialità, che sembra però essere sempre concentrata verso il nord. La E-Ludo Interactive ha fatto in modo che di questa presenza si accorgessero in molti, tanto che diverse case di produzione nazionali hanno aderito all’evento di Catania in qualità di sponsor.

La tavola rotonda introduttiva avrà inizio alle 14 di venerdì 29 gennaio. Il preside della Facoltà di Ingegneria Prof. Luigi Fortuna aprirà i lavori, a seguire interverranno Salvatore Mica Chairman della Global Game Jam e fondatore della società E-Ludo Interactive organizzatrice dell’evento, a seguito la Dott.ssa Ausilia Romano Responsabile centro di calcolo Facoltà di Ingegneria, Marco Accordi Rickards Docente Giornalismo videoludico Università di Tor Vergata, Fondatore Idra Editing e A.I.O.M.I., Gianluca Reale Fondatore di U-Station, la Prof.ssa Rosa Maria Di Natale giornalista e docente “Giornalismo e Nuovi Media” alla Facoltà di Lingue e Letterature Straniere, il Prof. Vincenzo Cutello, Preside Cdl in Informatica, Domenico Barba, NAPS Team ed Emanuele Vietina, Project manager “Lucca Comics and Games”. Concluderà i lavori un seminario tenuto da Giuseppe Maggiore Speaker della Microsoft su come sviluppare un videogioco in 60 minuti

Radio Catania e Radio Zammù, media partners dell’evento, seguiranno la Jam insieme a tutti media che vorranno intervenire. Alle 17 Susan Gold, Gorm Lai and Ian Schrieber , responsabili dell’organizzazione globale dell’evento, annunceranno il tema centrale della Global Game Jam 2010. I lavori di sviluppo potranno allora avere inizio e tutti gli intervenuti faranno la loro parte nella grande catena di montaggio che produrrà interi videogiochi Made in Sicily.

A promuovere la grande iniziativa saranno: Milestone, azienda leader in Italia per lo sviluppo di videogames fin dal 1996; NAPS, software house siciliana attiva dal 1994; Microsoft Imagine Cup, che metterà a disposizione dei partecipanti gli esperti del programma Students Microsoft e un seminario su XNA, celebre tool di sviluppo per Xbox Live. Collaborazioni molto preziose per gli organizzatori della E-Ludo Interactive che sono riusciti a riunire studenti, professionisti e aziende del settore videoludico sotto lo stesso tetto, per 48 ore, in Sicilia.

Salvatore Fallica, Event Manager per il capitolo catanese dell’evento, commenta così i grandi obiettivi raggiunti dall’organizzazione: “Si tratterà di una vera e propria simulazione di industria con l’incentivo che i prodotti realizzati saranno reali, giochi veri. Non capita tutti i giorni a studenti, appassionati e giovani competenti di poter associare il lavoro e lo studio con la propria passione. I partecipanti da un lato vivranno un’esperienza di sviluppo unica che metterà insieme creatività, competenza e divertimento. Le aziende e i professionisti dall’altro assisteranno gli sviluppatori durante i lavori, porteranno la propria esperienza sul campo e raccoglieranno curriculum, demo e portfolio dei partecipanti. Tutto l’evento è organizzato per un unico scopo: creare opportunità.“

Saranno presenti all’evento Ustation, il network dei media universitari; SoSushi e il Cavaliere Roxy, che forniranno a turno il catering per i partecipanti durante le 48 ore di sviluppo; l’hotel residence La Vetreria, che accoglierà al centro storico di Catania i partecipanti e gli esperti che vorranno alloggiare in città.

Spiega la dott.ssa Ambra Bonaiuto: “Partecipare alla Global Game Jam sarà senza dubbio divertente, ma 48 ore ininterrotte di sviluppo non sono certo una passeggiata. Per questo stiamo cercando di fornire ai partecipanti tutti i servizi di cui avranno bisogno. Oltre alle comodità della struttura ospitante messa a disposizione dalla Facoltà di Ingegneria, è importante che tutti possano rilassarsi e rifocillarsi. Grazie al loro contributo degli sponsor la permanenza e le sessioni creative saranno senza dubbio agevolate..”

LUDERE HUMANUM EST!

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple