Il Sindaco Stancanelli e i senza fissa dimora…

Scritto da: il 31.01.09
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.


Il sindaco Stancanelli ha recentemente dichiarato che ci saranno “aiuti per il disagio abitativo e per i senza fissa dimora”… Nell’intervista al sindaco Raffaele Stancanelli che potete vedere nel video sopra, realizzata da Filippo redattore di strada di Telestrada, il Sindaco di Catania fa alcune promesse che si spera vengano mantenute, visto che a Catania, a parte quelle Caritas, non esistono mense per i poveri e dormitori pubblici…

Il 31 dicembre 2008 conferenza stampa per illustrare i primi sei mesi di sindacatura. Ecco un comunicato del Comune che sintetizza quanto detto dal sindaco in quell’occasione
“Soddisfatto e moderatamente fiducioso” si dice così il sindaco Raffaele Stancanelli che, nel corso di un incontro con i giornalisti, ha tracciato stamani lo stato generale del Comune a sei mesi dalla sua elezione. Il primo cittadino, attorniato dagli assessori della sua Giunta, ha tracciato, punto per punto, la situazione relativa al bilancio al personale, ai provvedimenti in corso e da prendere.
Casse comunali.
Il debito iniziale all’ insediamento di Stancanelli che ammontava a 357 milioni circa, più i 100 milioni di euro delle partecipate, è passato a 220 milioni di euro, a questi vanno aggiunti 46 milioni di euro circa di anticipazioni con scadenza a novembre e il disavanzo dell’Amt.” Abbiamo- ha detto Stancanelli- soddisfatto i pagamenti degli arretrati alle cooperative sociali per 20 milioni circa, circa 5 milioni di euro sono andati ai titolari delle discariche che avevano un credito di 17 milioni circa e circa 4 milioni sono andati al raggruppamento temporaneo di imprese per l’illuminazione. Questo vantava un credito di 21 milioni circa iniziali”. Tutto è stato pagato con i flussi di cassa e le economie fatte tagliando tutte le spese non necessarie. I 140 milioni, destinati a Catania dal Governo, andranno a fare cassa il prossimo anno. Il bilancio preventivo sarà esitato, come prevede la legge e come non si faceva da anni, entro il 2008.
Obiettivi per la macchina comunale.
La Giunta ha predisposto un piano degli obiettivi da raggiungere nel 2009 da parte di ogni direttore. Gli obiettivi raggiunti comporteranno un’indennità di risultato o, nel caso in cui non si raggiungessero, la rimozione del direttore. Il Fes, fondo per l’efficienza dei servizi, “ prima distribuito a pioggia – ha continuato il sindaco- servirà allo scopo per cui è nato, incentivare e motivare ancora di più i dipendenti operosi “. A tal proposito per la corretta valutazione dell’operato del dipendente l’Amministrazione sta predisponendo, con la collaborazione dei rappresentanti dei lavoratori, un regolamento.
Dirigenti e posizioni apicali.
Si passa da 72 dirigenti e posizioni apicali a 51. Soltanto tre le professionalità esterne tra cui il Ragioniere Generale. Stamattina la Giunta varerà la nuova dotazione organica. Nessuna assunzione è prevista nel nuovo piano triennale. Anzi il numero dei dipendenti attuali scenderà il prossimo anno di 200 unità, nel 2010 di 110 unità così come, per le stesse unità, nel 2011.
In via di approvazione il piano triennale delle opere pubbliche.
“L’Amministrazione- ha detto Stancanelli- non aumenterà alcuna tassa o imposta, anzi sono rimodulate le partecipazioni economiche delle famiglie per la refezione scolastica”.
Al via il piano di smobilizzo degli immobili, il comune sfrutterà la norma che gli consente di variare la destinazione d’uso delle aree prima della vendita. Gli assessori al Patrimonio e al Bilancio sono affiancati da un esperto che a titolo gratuito sta lavorando a questa soluzione.
Un nuovo contratto d’appalto, in dirittura d’arrivo, per la pulizia a Catania, con raccolta differenziata, controlli più severi e garanzie per i lavoratori.
Già esitate ieri in giunta le delibere che prevedono aiuti per il disagio abitativo e per i senza fissa dimora. Infine le partecipate sono di fatto commissariate ed entro febbraio sarà presentato il piano industriale, per l’Amt i correttivi arriveranno a gennaio.” Un contributo- ha concluso il primo cittadino- determinante l’ho avuto in questi sei mesi dai componenti della mia Giunta, non siamo ancora usciti dalla crisi ma abbiamo speranza di poter riuscirci con il lavoro di tutti”.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple