Hainer, Parker e lo sport a Catania – parte 2

Scritto da: il 22.08.08
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Hainer ParkerSeconda parte dell’intervista a Giuseppe Parito dello studio Monoarchitetti, ideatore della campagna Hainer vs Parker. Nella prima parte ci ha descritto la sua visione di Catania, la sua lettura del problema sociale che sta dietro agli scontri di Piazza Spedini del 2 Febbraio 2007: la colpa di quanto è successo non è dello Sport e “degli interessi che ci girano intorno”, ma al contrario dell’assoluta mancanza di cultura sportiva in città.

Oggi invece parleremo della (falsa) campagna elettorale in maniera più specifica, entrando nel dettaglio di questa operazione di marketing virale e dei suoi obiettivi.

Il senso dell’operazione “Hainer vs Parker”: omaggiare Raciti e cercare di evidenziare quali erano le responsabilità della Politica e quali quelle dell’economia che gira intorno allo Sport. Mettiamo le facce davanti alle persone e vediamo quali sono più credibili. Per chiunque credo che siano più credibili Hainer e Parker, con tutto che fanno cucire palloni ai bambini pakistani, invece dei politici locali che magari fanno altre porcherie ancora più disgustose ma per i quali la faccia abbronzata dovrebbe essere segno e garanzia di credibilità.

Mi sono quindi chiesto come fosse possibile mettere sullo stesso piano i politici, che considero colpevoli di questo disastro, e questi… L’unica opportunità era dargli le stesse armi, dare delle facce ai loro brand. In realtà ho scoperto andando nei loro siti che le parti “corporate” sono visibili con una trasparenza massima, puoi vedere bilanci stipendi… Cosa che non puoi fare nemmeno per politica e pubblica amministrazione. Ho preso le foto, e i loro curriculum che ho stampato in tutti i volantini dopo averli tradotti. Mi hanno messo in guardia più volte dicendomi “Attento, ti denunceranno”, mentre invece le foto sono libere, opensource, ad altissima risoluzione: ti scarichi la loro faccia e la usi come vuoi.

Leggendo il loro curriculum scopri che non sono personaggi nati e cresciuti chissà sotto quale ala protettiva di quali potentati. Hainer si è laureato in economia e commercio in Germania, ha iniziato come direttore vendite e marketing, cioè praticamente era un agente di commercio, e oggi dirige una delle più grandi aziende del mondo. Quando parliamo di creatività al potere forse questi qua l’hanno realmente praticata. Parker in particolar modo, che viene dalla progettazione del prodotto: è un creativo, un progettista, non è né un avvocato né un medico e nemmeno un manager, è un creativo. E ha Portato una azienda ad essere una delle più grandi potenze economiche del mondo. Né medico né avvocato (80% dei politici italiani).

Lo Sport è una delle basi dell’educazione, io mi sono educato nello Sport, ho iniziato a 5 anni a fare judo e credo che sia una delle esperienze formative più importanti che ho avuto. Nei miei ricordi da bambino viene prima la mia esperienza a judo di quella a scuola, è stata una esperienza più educativa e formativa del mio stare insieme e in relazione con gli altri. Lo Sport dovrebbe venire prima, quindi non annoiando i bambini e i ragazzi a teatro, non annoiandoli attraverso altro. Queste cose devono arrivare pure, però c’è bisogno di un approccio a un livello più basso, più ludico. Io ho iniziato da bambino con lo Sport, poi da grande ho iniziato a frequentare i teatri, i cinema, mi appassionano, però a 5 anni lo Sport mi ha insegnato il rispetto dell’avversario, che ci si comporta in un certo modo… Il mio imprinting razionale con gli altri l’ho avuto da li.

Era una occasione per lanciare questo tipo di messaggio, che lo Sport è formativo ed è fondamentale per Catania. Non usando sempre gli slogan “Etna Valley” o “Città della Cultura”, ma “Città dello Sport”, perché ha i numeri, siamo un milione di persone nella provincia, abbiamo i numeri per poter creare campioni, abbiamo gli spazi per potere fare della bella attività politica e sociale in questo senso, e poter recuperare così Librino ma anche tutte le vecchie periferie, non solo con il campetto di calcio, ma usando quello che si ha per creare anche sport sperimentali. In Francia nelle Banlieue è nato il Parkour, ma anche il nostro è un contesto nel quale possono nascere idee culturali di questo genere. Ad esempio la Nike vuole creare un nuovo gadget, per un nuovo sport? Inventiamoci nuovi sport, nuove forme di Sport, diventiamo i primi.

YouTube Preview Image

Il momento ideale per lanciare questa campagna era quello subito dopo gli incidenti di Piazza Spedini: in quei giorni si parlava continuamente di Catania, e sarebbe stata assolutamente notiziabile in un momento di grande visibilità mediatica, facendo “montare” il caso. Un esperimento per capire quali erano le modalità di viralità che poteva avere una operazione del genere, di diffusione di una notizia, per poi piano piano fare venire su il contenuto che c’era dietro questa operazione “burlesca” come è stata definita. E’ saltato il momento, e abbiamo deciso di rinviare l’operazione alla riapertura del Massimino dopo la squalifica, diffondendo i volantini dentro lo stadio. Abbiamo anche pensato di diffonderli nell’anniversario della morte di Raciti. Poi si è cominciato a vociferare di elezioni anticipate e allora abbiamo aspettato… Ma non si sapevano bene le date delle due tornate elettorali e questo ha creato dei problemi, perché noi avremmo dovuto anticipare le elezioni, agire in un momento di vuoto di facce di manifesti e notizie sulla Politica, uscire immediatamente prima per dare spazio mediatico e visibilità per le strade.

Nel momento in cui abbiamo cominciato a diffondere i volantini invece la città era già invasa di facce, quelle delle elezioni politiche e regionali. In un altro momento due piccoli manifesti di questo genere sarebbero stati molto evidenti e difformi dal contesto immaginifico che c’era nella città, nel momento in cui lo stesso contesto immaginifico cioè quello delle facce di volti di una propaganda politica si è manifestata attraverso grandi dimensioni, questa nostra operazione è diventata piccola e poco visibile. Abbiamo cercato comunque altre modalità: abbiamo fatto andare dei ragazzi in giro alla Fiera ad esempio, e per le Facoltà Universitarie, abbiamo mandato dei comunicati stampa alle varie redazioni dei giornali. Antenna Sicilia ha fatto un lungo servizio ad esempio, ma non hanno ricollegato il comunicato stampa ai volantini (circa 100mila stampati e distribuiti) e al sito. Eravamo troppo piccoli in quel momento, impotenti rispetto a questa campagna colossale, e abbiamo detto “vediamo se poi riusciamo  a farla uscire più lentamente in un secondo momento”. Mi auguro che questi post sul blog possano essere un’occasione per farlo.

 

  • http://www.mondolivido.com livido verde

    Ciao, :) …non ho potuto fare a meno di notare che posti molti eventi organizzati nella tua zona… perchè non usi il nuovo sito web http://www.dici10.it ? Dopo aver compilato un piccolissimo form di registrazione puoi inserire tutti gli eventi che vuoi…

    A presto

    LividoVerde

  • Mushin

    Semplicemente quello che è mancato è stato il supporto di un Viral Marketer. L’idea era ottima, la distribuzione/pubblicizzazione migliorabile appunto grazie ad un po’ di esperienza di viral.

    Spero di vedere comunque altre cose vostre, in giro, in futuro.

  • http://www.mondolivido.com lividoverde

    http://www.dici10.it è un progetto che sta nascendo ora… non si può parlare di viral marketer… a dire il vero non so nemmeno cosa sia, vado ad intuito. Il mio era solo un consiglio. Visito il tuo blog da qualche giorno… ecco tutto! Con simpatia LividoVerde

  • Leandro Perrotta

    @lividoverde
    penso che Mushin stesse commentando il mio post, che parla proprio di una campagna di viral marketing.
    Ti ringrazio per la segnalazione del sito :-)

  • http://www.mondolivido.com lividoverde

    Umilmente scusa!!!

  • Mushin

    @lividoverde: il tuo commento l’ho ignorato dato che è spam in senso stretto. Certe richieste proposte si fanno via email, altrimenti rischi (a ragione) la rimozione del commento.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple