Furrigna Rock Festival 2009 – Scordia

Scritto da: il 26.08.09
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Furrigna 2009

Torna Furrigna, il festival delle “teste dure come la pietra (rock)”, che quest’anno si svolgerà nelle serate di venerdì 28 e sabato 29 agosto in piazza Umberto I a Scordia

  • Da non perdere giorno 28 il documentario, prodotto dal basso da 641 liberi sostenitori e da Malastrada Film “13 VARIAZIONI SU UN TEMA BAROCCO. BALLATA AI PETROLIERI IN VAL DI NOTO”. Lo stesso giorno “Storia della Sicilia in 100 secondi
  • Giorno 29 invece ci sarà Sicilian AV Project “Audiovisual Antimafia Lounge”, sul palco musicisti, video e un disegnatore, tutti a raccontare “cos’è la mafia”, al tempo delle loro abilità.

Il programma completo, (ottenuto grazie a una mobilitazione popolare) dopo il “salto”


Furrigna Fest 09 – Scordia (CT)
28 e 29 agosto 09

28 agosto

VideoPROIEZIONI & Avanguardie Furrigne @ Palazzo De Cristofaro
dalle 21.30

scarabocchio animato “LA STORIA DELLA SICILIA IN 100 SECONDI”
di Turi Scandurra

Narrazione ipercompatta del gran numero di conflitti, guerre, monarchie, dominazioni,
martiri e delinquenze che hanno sventrato l’isola nei millenni.

docufilm “13 VARIAZIONI SU UN TEMA BAROCCO. BALLATA AI PETROLIERI IN VAL DI NOTO”
di Alessandro Gagliardo, Christian Consoli, Antonio Longo
prodotto da Malastrada film e 641 coproduttori dal basso

Nel marzo 2004 l’Assessore all’Industria della Regione Siciliana autorizza quattro giganti del petrolio
ad effettuare ricerche di idrocarburi in quattro zone differenti della Sicilia.
Una di queste è il Val di Noto, nella Sicilia sud-orientale, inserito nella World Heritage List dell’UNESCO.
Il film racconta la storia dei Golia americani, i petrolieri, e dei Davide in lotta, la gente del Val di Noto,
che da anni si oppone con determinazione a questo progetto di devastazione.
Un film-inchiesta che agli strumenti giornalistici affianca quelli sensoriali: 13 variazioni di tema su un
territorio che deve rimanere Patrimonio di tutti e non bottino di alcuni.
Prima produzione dal basso della malastrada.film, 13 Variazioni è riuscito nel suo intento iniziale,
sprovincializzare una questione tanto importante riportandola a livello di un dibattito nazionale ed
internazionale. Con oltre 45 proiezioni alle spalle e la presenza in diversi festival.

a seguire RotAzioni di corti in bis domani…

29 agosto

SICILIAN AV PROJECT @ Piazza Umberto I

sul palco contaminAzioni sonore e visuali
downbeat nostrano e proiezioni video
mix di jazz, funky ed elettronica…le parole di Sciascia, 5 musicisti e un disegnatore.

Audiovisual Antimafia Lounge – ispirato dalle parole e dalle opere di Leonardo Sciascia, scrittore siciliano e attivista civile, Sicilian AV project è il retaggio della letteratura eseguito e espresso attraverso una miscela di mezzi: musica, arte visive e illustrazioni.Avete mai sentito parlare di mafia? Probabilmente sì, ma difficilmente l’avrete sentita evocata dentro i ritmi del d&b, dell’elettronica, del jazz, mixati a illustrazioni frutto di un atipico action painting e a clip video piene di suggestioni da repertorio del reale.

Quella di Antonino Musco e dei tanti collaboratori al suo Sicilian AV Project non è però un’operazione di marketing, non vendono motivetti orecchiabili, borsette colorate e non parlano di calcio. In buona parte siciliani, tutti giovani e quasi tutti emigrati in un ipotetico Nord perché nel loro iper-reale Sud qualcuno gli ha tagliato le gambe, ma non le idee.

Gli autori e i partecipanti a questo progetto performativo studiano e rielaborano linguaggi altri per raccontare una storia tragica fatta di mille storie drammatiche, grottesche, mafiose. Ce lo ricorda fin dal primo brano “Todo Modo (a mio modo)” la voce samplata in sottofondo di uno scrittore che di mafie ha scritto e parlato fino alla morte, Leonardo Sciascia: “Lo stato per me è la Costituzione, e la Costituzione non esiste più”. Dentro questo e altri paradossi del cuore e della mente si muovono le ondate musicali – vuoti sonori meditativi sincopati da piene sferzanti e inacidite – che Antonio Musco discioglie giocando tra alta e bassa fedeltà, tradizioni e avanguardie musicali, voci della strada e quelle di grandi saggi dell’isola tricornuta.

Contrasti paesaggistici, afa, energia dell’orgia e del lutto, stragi e processi, il Mediterraneo della contraddizione permanente, della bellezza e del rimpianto, della fatica e della rabbia, della poesia araba versata come vino e delle cattedrali normanne imbevute d’oro, dei terremotati da una vita e dei braccianti fucilati, dei templi greci che osservano la costa sgargiante di fiori e dei bassifondi luridi dove bambini e cavalli nelle stalle dormono e sognano insieme.

Sicilian AV project restituisce della Sicilia il mare azzurro e il dolore, una tonnara dove gli attori del terribile gioco, pescatori o pesci che siano, pupi e pupari, sono impregnati dell’odore acre del sangue e del sudore, ma anche della dolcezza salina di quello che poteva essere e non è stato e di quello che è, oggi e fatalisticamente per sempre.

E come l’etnomusicologo Antonino Uccello aveva girato nel ‘900 tra carceri, stamberghe e pescherecci, raccogliendo un archivio di suoni e voci ormai lontani, allo stesso modo -ma per un’altra via- Musco dirige quegli spettri insonni al tempo di una drum machine che racconta, in uno slang trans-siculo, la musicalità di un mal-esserci danzante.

per saperne di più:
www.furrigna.it
www.cinemautonome.org
www.msk.org
www.myspace.com/sicilianavproject

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple