Che succede a Catania

Scritto da: il 24.10.08
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Che confusione, a Catania.

a) In pochi giorni dal nulla assoluto sono arrivati i venti della protesta universitaria anche a Catania. Certo, non sono in pochi (oltre me) a notare con un pò di perfidia che è iniziato tutto solo dopo le elezioni studentesche, e che fino a una settimana fa nessuno ha “mosso” un solo striscione (ci avevano provato i filosofi a dare l’allarme per tempo, in pochi li hanno ascoltati). Ma ora la protesta cresce, sia nei numeri che nella partecipazione. Si fanno cortei, si parla della riforma, si crea opinione. Insomma: è nato un movimento.

Potete leggere la “cronaca” della protesta, aggiornata quasi in tempo reale, su Step1, mentre Ucuntu propone delle belle foto della protesta (noterete qualche “anzianotto” infiltrato fra i giovani studenti)

b) Confusione dicevo, ma al viale Mario Rapisardi di più! La ricevitoria Giunta è ormai luogo di pellegrinaggio per le famiglie catanesi e non solo, arrivano decine di telecamere da tutta Italia per riprendere il Luogo Più Culuto Del Creato, e il sindaco, dopo aver lasciato la sua testimonianza di direttore di una amministrazione indigente allo Stand Up Day, chiede aiuto al novello ma sconosciuto riccone. “Faccia come in America, dia parte dei soldi alla Comunità”. Spero che il fortunatissimo vincitore di 100 milioni di Euro al superenalotto NON ascolti il sindaco, Comunità e Comune non sono la stessa cosa, (come ci si può fidare di gente con simili “conti” da pagare? 1 2 3 4 5 6 ) , che si compri una bella isola tropicale e si dedichi alla bella vita.

Oppure, se proprio vuole investirli per la Comunità, potrebbe pagare gli arretrati agli operai dell’Enel in sciopero da fine 2007, poche centinaia di migliaia di euro per far tornare a “risplendere” la città.

Se il fortunato fra un brindisi e un urlo di felicità trovasse il tempo di leggere questo blog, solo ed esclusivamente per lui segnalo questo “how to“.

c) Per quanto ne so, data la gestione “allegra” dei bilanci, c’era il rischio che i i 100 milioni vinti al superenalotto finissero nel bilancio consuntivo comunale 2007, ma fortunatamente arriverà un commissario regionale per controllare che tutto si svolga senza errori. Il comune di Catania è in ottima compagnia: oltre che alla provincia di Catania, commissari andranno anche nei comuni di Agrigento, Canicattì, Sciacca, Caltanissetta, Gela, Acireale, Misterbianco, Enna, Messina, Bagheria, Palermo, Ragusa, Noto, Siracusa, Mazara del Vallo, e nelle province di Enna, Messina e Siracusa. Il termine ultimo per la consegna era il 30 Giugno, ricordatevene quando vi arrivano cento euro di mora per due giorni di ritardo sulla TARSU…

d) La Procura della Repubblica di Catania ha rivelato i nomi di tutti i 47 ex ed attuali amministratori e funzionari indagati per l’inchiesta “Buco di Bilancio“: Vincenzo Castorina, Roberto Giordano, Eugenia Messina, Giuseppe Arena, Mario Brancato, Francesco Bruno, Francesco Caruso, Santo Castiglione, Rosario D’Agata (non è il consigliere del Pd, ma l’ex assessore che si fa chiamare Giancarlo), Orazio D’Antoni, Antonino D’Asero, Mario De Felice, Ignazio De Mauro, Paolo Di Caro, Salvatore Di Gregorio, Filippo Drago, Fabio Fatuzzo, Ilario Floresta, Marco Forzese, Alessandro Gaglio, Filippo Grasso, Silvana Grasso, Francesco Gueli, Stefania Gulino, Paolo Italia, Santo Ligresti, Giuseppe Maimone, Angelo Moschetto, Giovanni Musumeci, Nello Musumeci, Antonino Nicotra, Vincenzo Oliva, Benito Paolone, Angelo Rosano, Domenico Rotella, Salvatore Santamaria, Gaetano Sardo, Umberto Scapagnini, Antonio Scavone, Elita Schillaci, Giuseppe Siciliano, Nino Strano, Gaetano Tafuri, Gianni Vasta, Giuseppe Zappalà. Le indagini sembrano particolarmente difficili, ed è stata richiesta una proroga di sei mesi. Le imputazioni? Falso in atto pubblico e abuso d’ufficio.

  • http://rockspolitik.blogspot.com Gaetano

    Ho commentato anche io sul mio blog questa uscita davvero inopportuna, infelice, scandalosa quasi, del nostro “sindaco”.

    Che faccia tosta, d’altra parte scuola berlusconiana…

  • http://stancanellidoitbetter.wordpress.com/ stancanellidoitbetter

    Cari concittadini,
    perchè giudicare scandaloso un semplice invito a contribuire al bene comune? Ho già chiesto ai servizi segreti di indagare sull’identità del fortunato amico e di proporgli l’investimento della somma in un nuovo, meraviglioso, utilissimo centro commerciale in Corso Martiri della Libertà.

  • Pingback: Laboratorio di giornalismo, gratis, al GAPA | 095

  • Pingback: Da non imitare - lettera al milionario | 095

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple