Cani e padroni di cani

Scritto da: il 25.08.08
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Cani e padroni di cani, cantavano una volta Elio e le storie tese, lamentando i segnali del passaggio canino in città: escrementi e sporcizia. A Catania la situazione è particolarmente fastidiosa, per proprietari di cani o meno.

So che esistono problemi più importanti per il comune, e che tanto c’è da fare, ma colgo l’occasione come “padrona” di due canidi per portare avanti le richieste di chi ha dei cani (beneducati, si intende).

Premessa necessaria è che i miei due adottelli (così chiamo i due trovatelli che vivono con me) sono stati in un centro di addestramento per imparare, sin da piccoli, a non abbaiare/ringhiare/infastidire, se mai ne avessero avuto l’intenzione. Che hanno il microchip e sono regolarmente vaccinati e registrati all’Asl.
E, non ultimo, che mi sono attrezzata con palette e bustine per raccogliere i loro “rifiuti”, che infastidiscono sia me sia loro, dovendo fargli fare slalom ad ogni passeggiata.

Per me, che mi ritengo un buon cittadino, non c’è spazio in questa città: nei parchi non c’è un’area recintata dove io possa lasciarli liberi senza turbare chi, magari, li teme; se voglio andare a mare nessun lido è attrezzato per accoglierci; identico discorso per gran parte delle aree pubbliche.Paradossalmente invece alcuni lodevoli gestori di locali pubblici ammettono le presenze canine nei tavoli all’esterno.

Oggi mi fa particolarmente rabbia perché sono appena stata a Messina e ho dovuto constatare che lì si cominciano ad avere politiche a favore dei cinofili: a partire dai cestini appositi con distributori di sacchetti igienici, lì funzionanti, per le passeggiate coi quadrupedi.

Rendere la città vivibile per i cani e per i loro padroni vuol dire soprattutto disporre di uno strumento efficace per la lotta al randagismo.

Mi permetto infine un appello a tutti coloro che hanno accolto dei “trovatelli”: approfittate della campagna di sterilizzazione dell’Asl e delle associazioni animaliste; so che i cuccioli sono così carini, e anche io avrei voluto (come atto di egoismo) vedere i cuccioli dei miei cani, ma perché mettere al mondo altri meticci di cui almeno una parte finirà abbandonata?

  • http://www.ilcasalotto.blogspot.com Il Casalotto

    Il problema dei cani in sicilia è enorme. Purtroppo non c’è la cultura del rapporto col cane. Nella maggior parte delle migliori ipotesi i cani stanno rinchiusi con la catena senza mai fare una passeggiata. In altri casi non vedono mai un veterinario. E poi dicono che sono sporchi! Per non parlare del randagismo che è tristemente diffuso. Anche in autostrada. Le amministrazioni dovrebbero educare le persone a conoscere almeno i propri cani e donare loro gli spazi adeguati. Ma quando?

  • Federica Nocita

    io ho trovato un cane abbandonato in fin di vita..un breton…sono andata all asl e mi hanno detto che dato che aveva un microchip andava tornato al proprietario anche se lo tenevano in condizione pessime..mi sono litigata..alla fine il chip era stato messo al cane ma non registrato quindi non si sa chi fosse il proprietario…per tutta risposta l asl non si è interessata…il cane è rimasto a me…anche se già ne ho altri 4 ..non ho trovato nessuno a cui darlo e purtroppo credo proprio che dovrò portarlo in un canile…ho problemi grossi in famiglia e il quinto cane non posso tenerlo anche perché l altro maschio non l ha accettato e quindi devo stare reclusa io a casa e loro che devo tenere separati…c è purtroppo troppo menefreghismo sopratutto qui…e mi fa rabbia sentire che per i cani di green hill ci sono state 30 mila richieste e io è 4 mesi che cerco disperatamente qualcuno ma trovo solo gente che elogia il cane perché è buono è bello è dolce ma poi gira le spalle…

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple