Azione Giovani contro i centri sociali occupati Auro ed Experia

Scritto da: il 31.01.09
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Riporto dal blog del giovanissimo consigliere comunale Giacomo Bellavia un comunicato di Azione Giovani Catania dal titolo Sì agli spazi di aggregazione per i giovani, no ai centri sociali occupati che (come prevedibile, e probabilmente previsto) ha scatenato la reazione delle persone chiamate in causa dallo stesso… Buona lettura

Da anni orma denunciamo la mancanza in città di spazi di libertà: mancano ancora luoghi di aggregazione basati sulla crescita comunitaria, sul confronto culturale e sulla esaltazione della creatività. Si preferisce lasciare i giovani all’evanescenza delle discoteche, al degrado delle piazzette di periferia, al bullismo delle piccole bande, all’abbandono nella cultura dello “sballo” delle tossicodipendenze e dell’alcolismo, all’intolleranza dei centri sociali.Proprio per questo chiediamo alle istituzioni cittadine di abbandonare questo approccio rispetto alle problematiche giovanili, di non tollerare più coloro che con intolleranza occupano abusivamente immobili di pubblica proprietà e di utilità collettiva per trasformarli in luoghi dove si pratica la discriminazione, la violenza, la cultura della droga, o nel migliore dei casi si bivacca e si distrugge, come nei centri sociali occupati AURO ed EXPERIA.Azione Giovani Catania si è da sempre impegnata nell’obiettivo di creare le Comunità giovanili, luoghi di aggregazione in cui i giovani senza alcuna forma di discriminazione possano ritrovarsi, vivere una comunità e crescere insieme fornendo ognuno all’altro le proprie esperienze. Chiediamo che strutture di proprietà comunale, troppo spesso utilizzate male o addirittura abbandonate, possano essere affidate ai giovani per fare musica e teatro, per elaborare e creare, per costruire un futuro diverso ai nostri giovani troppo spesso soffocati da violenza, precarietà, droga, per sperimentare nuove prospettive, per chiedere il nostro diritto al futuro! “L’ennesima iniziativa – spiega Sergio Serafini, Coordinatore Comunale di Azione Giovani – è la dimostrazione di quanto il nostro movimento giovanile tenga a questa tematica, considerandola centrale all’interno della sua attività politica.

Numerosissimi sono gli edifici di proprietà del Comune, che sono pressochè inutilizzati. Assegnarli ad attività di sostegno e indirizzo nei confronti dei giovani, specie nei quartieri più disagiati è una priorità. Di certo però rispettosi della legalità non occuperemo nessuno di questi edifici, come invece altri hanno fatto, attuando una idea, come quella del centro sociale, che si allontana dai nostri principi e valori.”

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple