Altro che Hotel – Step1 visita la residenza Costa in via Etnea

Scritto da: il 14.05.09
Articolo scritto da . Catania, ad uno sguardo superficiale, è una città che sembra non offrire molto. Ma se si ha la pazienza di guardarla dentro, Catania si rivela vulcanica come il suo Etna che le fa da compagno. Si trovano tante di quelle straordinarie storie che si potrebbero scrivere intere enciclopedie per narrarle. 095 Blog è una guida, per poter muoversi dentro questo magma cittadino. Un semplice bignami, da consultare e sfogliare con semplicità.

Step1 continua con le sue videoinchieste, e stavolta parla di residenze universitarie.

Ascensore fermo (e sono 8 piani), umidità ovunque, uno stabile che gli stessi responsabili pensano possa crollare in caso di terremoto… E’ la residenza universitaria Costa, 250 posti letto, gestiti dall’Ersu. Si trova in via Etnea all’incrocio con via Passo Gravina, praticamente di fronte la sede dell’Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, e tutti a Catania la chiamano “Hotel Costa“…
Per leggere l’articolo cliccate qui, mentre di seguito potete vedere il video di Desirée Miranda e Gianluca Nicotra…

YouTube Preview Image

La “Zazzamita production”  un paio d’anni fa fece un “giro” all’Hotel Costa, già in pessime condizioni. I problemi erano esattamenti gli stessi, ma gli studenti davano un “giudizio positivo” perché le residenze ERSU nonostante i numerosi limiti sono gratuite ed è meglio un servizio imperfetto gratis degli affitti in nero mostruosamente cari….

L’ERSU a Catania dispone in totale di poco più di 1000 posti letto, su una popolazione studentesca che supera le 50000 unità…

YouTube Preview Image
  • Luca

    La struttura fatiscente, gli enormi corridoi male illuminati, la puzza di muffa e la presenza qua e là di segnali di atti vandalici, unitamente alla guardia giurata e il sistema di videosorveglianza, rendono l’hotel più assimilabile a un penitenziario che una residenza universitaria.

    A rendere maggiore la similitudine con le patrie galere c’è un dettaglio sottaciuto dal video inchiesta: la situazione di forte illegalità. Il Costa pullula di inquilini abusivi (l’emergenza clandestini), e almeno due volte al giorno scatta una sorta di mercato nero del tesserino-mensa per accaparrarsi quello più vantaggioso, come durante la guerra. Non si tratta in realtà di cibo di qualità. La pasta scotta unita alla prevalenza delle cotture grasse, hanno fatto sì che ben pochi (e sopratutto poche) riescano a mantenere il peso forma fino al termine dell’anno.

    Le stanze sono terribilmente piccole, e questo spinge alcuni a ricorrere al nero o a una spaziosa stanza a Bicocca, dove peraltro pare si confidi maggiormente nello chef. In ogni caso, i due/tre mesi di ritardo accumulati nell’assegnazione (che per i peggio fortunati è arrivata a dicembre, appena in tempo per la chiusura natalizia), rendono preferibile la puntualità di un arresto cautelare in una casa circondariale, magari nella vicina piazza Lanza.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple